Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiVasto, commercio in crisi: dopo oltre 20 anni va via Oviesse

Vasto, commercio in crisi: dopo oltre 20 anni va via Oviesse

Ovs comunica la chiusura di questo negozio in data 8 aprile 2013. Si ringraziano i gentili clienti, che potranno rivolgersi, per eventuali esigenze, ai negozi Ovs di Termoli e Lanciano. E’ scritto sul cartello affisso sulla vetrina dei locali di via Cardone, vicino al centro commerciale Leclerc. La catena veneta di abbigliamento a prezzi bassi chiude il punto vendita di Vasto. La crisi nera colpisce inesorabilmente il commercio.

In città sparisce uno dei marchi storici, che a Vasto era presente dalla fine degli anni Ottanta, quando uno store Oviesse si trovava al piano rialzato dell’allora supermercato Maxi Tigre di via Alessandrini, vicino alle Poste centrali.

“Ho parlato con i dipendenti: le vendite non vanno male, mal problema principale è il costo dell’affitto dei locali. Con gli introiti non si riescono a coprire tutte le spese. Per questo l’azienda ha deciso di chiudere la filiale di contrada Sant’Antonio Abate, tenendo aperti nella nostra zona solo i negozi di Lanciano e Termoli”, racconta Stefano Moretti, fondatore dell’associazione Azzurro per la libertà. “I commessi sono otto e tra quattro giorni perderanno il lavoro. Sono sfiduciati. Qualcuno di loro ha già deciso di partire per l’Inghilterra. Vasto sta perdendo tutti i suoi giovani. Questa sta diventando una città di emigranti. Rivolgo al sindaco, Luciano Lapenna, un appello affinché si interessi della vicenda e avvii una mediazione” con ilgruppo Coin, che ha sede a Padova ed è titolare del marchio Ovs.

Nel 2006, in base alle quote di mercato, Ovs era la prima azienda italiana d’abbigliamento per uomo, donna e bambino. Ora la crisi che sta travolgendo tutti i settori economici colpisce anche il gruppo tessile patavino, che sta per tagliare dalla sua catena il negozio di Vasto.

Centro commerciale Leclerc – Il vicino centro commerciale Leclercha, invece, scongiurato i licenziamenti stipulando i contratti di solidarietà: lavorare meno, accettando una riduzione dello stipendio, ma lavorare tutti. I dipendenti riscuoteranno circa 100 euro in meno in busta paga.

Da www.zonalocale.it

Print Friendly, PDF & Email