Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiTornareccio. Mieli di qualità, al concorso nazionale “Roberto Franci” trionfa Adi Apicoltura

Tornareccio. Mieli di qualità, al concorso nazionale “Roberto Franci” trionfa Adi Apicoltura

Da sempre ottiene il consenso di consumatori nazionali e internazionali. Passa il duro vaglio di varie certificazioni rinnovate annualmente. E, ora, convince anche la giuria tecnica del concorso dei mieli “Roberto Franci”, l’autorevole competizione che si svolge ogni anno a Montalcino (Siena) in occasione della Settimana del Miele, ideato per premiare i migliori mieli di produzione nazionale ed internazionale, e incentivare la produzione di qualità.

Grande exploit per il miele biologico di agrumi di Adi Apicoltura, la storica azienda di Tornareccio (Ch) guidata da Piero e Fabio Iacovanelli, tra le più importanti a livello nazionale: la giuria, composta da esperti iscritti all’Albo degli esperti in analisi sensoriale del miele, gli ha tributato gli ha tributato il primo posto nella sezione Agrumi e il secondo tra i vincitori assoluti. In particolare, la giuria ha valutato con favore i parametri che definiscono la qualità intrinseca del miele, come l’aroma, il colore, il sapore, oltre a quelle organolettiche e sensoriali, che hanno decretato il miele biologico di agrumi di Adi Apicoltura il migliore in assoluto nella sua categoria a livello nazionale. Il secondo posto assoluto, invece, è particolarmente significativo se si considera che hanno partecipato al concorso in centoventiquattro. La consegna del premio è in programma sabato 13 settembre a Montalcino.

“Questo premio – dicono con soddisfazione Piero e Fabio Iacovanelli, in viaggio verso Montalcino – è l’ennesimo riconoscimento alla qualità del miele che la nostra famiglia produce ormai da quattro generazioni. Ci riempie di orgoglio soprattutto perché è stato premiato un miele biologico, tipologia sulla quale abbiamo investito da anni, scegliendo con cura solo fioriture italiane senza pesticidi, e utilizzando una smielatura senza alcuna sofisticazione. Una filiera che si svolge completamente nel nostro Paese, e che sottoponiamo ogni anno a certificazioni nazionali e internazionali come la British Retail Consortium di Bureau Veritas, International Food Standard e Star-K-Kosher, Bio Agricert, Usda Organic (Stati Uniti) e Canada Organic (Canada). Sono scelte, come si vede, che alla fine pagano, non solo in termini di mercato ma anche di riconoscimenti”.

Adi Apicoltura rappresenta l’evoluzione di una storia imprenditoriale iniziata nell’Ottocento a Tornareccio (Ch) da Giuseppeantonio Iacovanelli, il pioniere abruzzese dell’apicoltura professionale nato nel 1858 nella “capitale abruzzese del miele”, proseguita dal nipote Dario Iacovanelli e oggi dai suoi figli Piero e Fabio. Dopo cinque generazioni di apicoltori – da qui lo slogan “L’arte del miele dal 1858” – ai giorni nostri l’azienda è leader a livello nazionale, come dimostrano le sei certificazioni ottenute e alcuni numeri importanti: 1600 alveari di proprietà, uno stabilimento con un impianto di invasettamento e confezionamento tra i più grandi d’Italia, capace di produrre fino a 40 mila vasetti al giorno, operativo in una struttura attenta all’energia pulita grazie ad un impianto da 92,05 KW, la raccolta differenziata e il sistema di reso dei materiali industriali che consente di produrre pochissimi rifiuti. A tutto questo, si affianca la sede direzionale, di nuovissima concezione: bioarchitettura e design si integrano in una struttura dove convivono lo show room, un piccolo museo di famiglia, gli uffici, la sala riunioni e uno spazio attrezzato per la formazione.

Print Friendly, PDF & Email