Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo, canoni non ricognitori: Provincia paga 2.150 euro di spese legali

Teramo, canoni non ricognitori: Provincia paga 2.150 euro di spese legali

Sulla vicenda dei canoni non ricognitori (Cosap) che la Provincia di Teramo ha inizialmente richiesto ai Comuni, e poi annullato per vie di fatto con provvedimenti in autotutela per omesso pagamento, è debacle.

Nelle more dell’annullamento degli avvisi di liquidazione è un contenzioso civile capeggiato ora dal Comune di Controguerra che ha impugnato l’originaria richiesta di pagamento. Così il giudice Cristina Tettamanti ha condannato la Provincia a rifondere le spese giudiziali in favore del Comune di Controguerra per 550 euro e le spese vive nella misura di 1.650euro.

“La Provincia” – secondo il dispositivo della sentenza del tribunale di Teramo – circa la pretesa del canone non ricognitorio ha perseverato nella proprie richieste fino all’atto di annullamento in autotutela, intervenuto però a giudizio intrapreso. Il provvedimento di annullamento sull’ammissione, che l’articolo 30 del regolamento Cosap provvede ad esentare occupazioni effettuate dai Comuni per le proprie finalità istituzionali, così riconoscendo come fondata l’eccezione, già sollevata dal Comune di Controguerra, anche negli atti stragiudiziali che hanno preceduto l’instaurazione del giudizio”. Dunque, l’addebito delle spese.

Print Friendly, PDF & Email