Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Tares, la Confcommercio chiede proroga per il pagamento delle cartelle

Pescara. Tares, la Confcommercio chiede proroga per il pagamento delle cartelle

“Chiediamo alla nuova Giunta comunale di prorogare ulteriormente il termine di pagamento delle cartelle Tares 2013 e la rateizzazione senza interessi delle somme da pagare”. L’istanza viene dal presidente della Confcommercio di Pescara, Ezio Ardizzi. “Chiediamo altresi’ alla Giunta Alessandrini ed in particolare al nuovo assessore ai Tributi – aggiunge Ardizzi – di essere immediatamente convocati per definire nel Regolamento Tari, la nuova tariffa rifiuti per il 2014, una rimodulazione totale degli importi a carico delle imprese”. Nel chiedere alla nuova Giunta di mantenere le promesse fatte, Ardizzi spiega che il mancato pagamento dell’80% delle cartelle Tares “Era ampiamente prevedibile in considerazione dell’applicazione miope della Tares da parte dell’Amministrazione uscente da cui sono scaturite cartelle insostenibili per le aziende in un momento gia’ caratterizzato da una crisi epocale. Ci stupiamo anzi che il 20% delle imprese sia riuscito a farsi carico di un tributo sbagliato ed iniquo che in alcuni casi era nell’ordine di decine di migliaia di euro. Basti pensare – aggiunge il presidente di Confcommercio – che un ristorante di 300 mq. nell’applicazione della Tares andava a pagare oltre 10.000 euro di spazzatura l’anno per comprendere che occorre rivedere completamente le modalita’ di calcolo della nuova Tari per evitare di far scomparire da Pescara le poche attivita’ economiche che ancora offrono occupazione. Le aziende non hanno pagato non perche’ non vogliono ma perche’ non possono pagare. Ci auguriamo che la nuova Giunta comprenda cio’ e che concordi subito un Regolamento Tari equo e sostenibile e successivamente affronti con altrettanta decisione il problema dei costi della raccolta comunale dei rifiuti, svolta da Attiva spa, perche’ anche, se non soprattutto, da li’ – commenta infine Ardizzi – derivano le tariffe che deve sopportare la nostra collettivita’”.

Print Friendly, PDF & Email