Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Export enogastronomia, Confcommercio: conferenza in risposta a “provocazioni” Farinetti

Pescara. Export enogastronomia, Confcommercio: conferenza in risposta a “provocazioni” Farinetti

Nella giornata di giovedì 10 luglio p.v. alle ore 10.00 presso la Confcommercio di Pescara in Via Aldo Moro, 1/3 è stata convocata una conferenza stampa da parte della Confcommercio di Pescara.

Sarà l’occasione per replicare alle “provocazioni” lanciate da Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, nel corso del recente convegno “Ben fatto, non contraffatto” relative all’immobilismo di imprenditori ed istituzioni locali nel far conoscere fuori dai confini nazionali le ricchezze eno-gastronomiche abruzzesi.

Probabilmente Farinetti non è stato informato a dovere su quello che è stato fatto nel recente passato per far conoscere i nostri prodotti all’estero. Forse non sa che solo pochi anni fa eravamo all’avanguardia grazie alle tante iniziative intraprese dal Centro Estero delle Camere di Commercio abruzzesi e dalla Camera di Commercio di Pescara dal 1999 al 2009, di cui mostreremo documenti scritti e fotografici, a cui inopportunamente non è stato dato seguito.

Un percorso che ha cercato di far conoscere i prodotti abruzzesi nella principali destinazioni internazionali in cui era possibile sviluppare il nostro export, dalla Russia al Brasile, dal Giappone agli Stati Uniti, attraverso giornate tematiche che prevedevano anche serate conviviali in cui le nostre ricchezze gastronomiche venivano elaborate e valorizzate da chef provenienti dalla nostra regione.

La conferenza stampa sarà l’occasione per fare gli opportuni distinguo al riguardo e per tutelare il lavoro fatto in quegli anni dai tanti imprenditori che, seguendo le iniziative suddette, hanno alzato il sedere dalla sedia rischiando in proprio per diffondere nel mondo le ricchezze abruzzesi.

I nostri prodotti agroalimentari, le nostre bellezze naturali ed artistiche, la nostra cucina genuina sono stati testimonial apprezzatissimi in ogni angolo del mondo in cui siamo andati a far conoscere l’Abruzzo. Riavvolgiamo il nastro del “non fatto” e stimoliamo la Regione Abruzzo a ridivenire attori nell’economia nazionale ed internazionale.

 

Print Friendly, PDF & Email