Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiOrtona. Open day Abruzzo: riapre l’Enoteca Regionale

Ortona. Open day Abruzzo: riapre l’Enoteca Regionale

Il 28 ottobre, in occasione dell’Open Day Abruzzo, riapertura ufficiale dell’Enoteca Regionale che avrà sede a Palazzo Corvo di Ortona (Chieti). L’evento per l’occasione di terrà anche nel corso delle celebrazioni per il centenario della morte dell’artista ortonese Francesco Paolo Tosti. L’assessore regionale alle Politiche Agricole, Dino Pepe, parla di un nuovo modo di concepire l’Enoteca: “Si riparte con una nuova formula particolarmente arricchita e che, a seguito di un bando regionale, il Consorzio di Tutela dei vini d’Abruzzo si è aggiudicata la gestione triennale dell’Enoteca Regionale di Ortona (Chieti) che sarà un vero e proprio punto di riferimento per il settore, una sorta di casa del vino a disposizione anche delle associazioni e di tutta la filiera del vino abruzzese”. L’Enoteca, spiega Pepe, “deve rappresentare per noi un luogo di promozione per eccellenza, e attraverso le 400 etichette che sono rappresentate nell’Enoteca noi possiamo dare un contributo importante soprattutto per quanto riguarda la promozione Nazionale ed internazionale del nostro vino”. Valentino Di Campli, presidente del Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo pone l’accento sugli obiettivi che la nuova Enoteca dovrà raggiungere: “Finalmente l’Enoteca regionale viene presa in gestione dai produttori di vino e oggi possiamo dire che la nostra volontà è quella di far diventare l’Enoteca regionale la casa del vino abruzzese dove oltre al Consorzio di Tutela, tutte le associazioni che promuovono il vino della nostra regione, possano avervi sede e dare un contributo forte al settore, attraverso manifestazioni che si dovranno svolgere per promuovere il nostro prodotto anche fuori i confini nazionali perché il vino oggi non comunica solo un prodotto ma anche un territorio, un patrimonio culturale e tradizioni della nostra regione. Si tratta di un nuovo avvio con grandi propositi nel segno della valorizzazione a trecentosessanta gradi delle nostre eccellenze”.

Print Friendly, PDF & Email