Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraMoscufo, un modello da seguire: videosorveglianza x proteggere il territorio

Moscufo, un modello da seguire: videosorveglianza x proteggere il territorio

Per aumentare la sicurezza dei cittadini e scoraggiare eventuali malintenzionati il comune di Moscufo ha posizionato in alcuni punti del territorio un sistema di videosorveglianza che funzionera’ 24 ore al giorno. Ad annunciarlo e’ l’assessore alla Polizia municipale Antonio Nobilio che, grazie al supporto dei vigili urbani, ha elaborato e attuato un progetto-sicurezza che si snoda sull’intero territorio comunale. “I lavori, gia’ eseguiti, hanno riguardato il posizionamento di 5 box,” spiega Nobilio, “ognuno dei quali dotato di due telecamere e di hard-disk interno in grado di conservare le immagini fino a 7 giorni. I punti controllati da questo sistema sono la scuola elementare, la scuola media, il parco pubblico in via Aldo Moro, il parcheggio situato in viale della Repubblica e l’area adiacente la chiesa delle Anime Sante con l’area pubblica in localita’ Bivio Casone. Riteniamo sia doveroso,” dice Nobilio commentando questa iniziativa,” tutelare la sicurezza dei cittadini, garantire la loro incolumita’ e la civile convivenza, e per questo abbiamo deciso di intervenire con il posizionamento delle telecamere. Uno strumento sicuramente efficace come deterrente ma utile anche per individuare i responsabili di eventuali azioni vandaliche o criminose. Dopo aver scelto la tecnologia da adottare tra le tante esistenti in commercio e dopo aver accertato che la qualita’ delle immagini fornite dalle telecamere fosse ottimale, abbiamo effettuato una ricerca di mercato per la scelta della ditta che, a prezzi piu’ convenienti, ha provveduto all’esecuzione dei lavori. Per realizzare questo intervento abbiamo approvato in Consiglio comunale un regolamento sulla videosorveglianza nel pieno rispetto del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, intitolato Codice in materia di protezione dei dati personali e noto come Testo unico sulla privacy. Il progetto, tra l’altro, e’ stato portato all’attenzione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto di Pescara Vincenzo D’Antuono”.

Print Friendly, PDF & Email