Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaMarcegaglia: poco impatto dal Piano crescita

Marcegaglia: poco impatto dal Piano crescita

Fitto: Confindustria ingenerosa.
Vendola: Fitto minaccia il Sud.
Il giudizio di Confindustria sul piano crescita approvato oggi dal Consiglio

 

dei Ministri e’ positivo per quel che riguarda l’obiettivo, ovvero la crescita, ma e’ sospeso fin quando non verra’ approvato il cosiddetto pacchetto semplificazione.
Lo ha detto il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, secondo cui “e’ positivo che il Governo si concentri sul tema della crescita”, ma “sulla parte che ci interessa, ovvero il pacchetto delle semplificazioni, il giudizio e’ sospeso e ci sara’ quando verra’ approvato e noi chiediamo e auspichiamo che cio’ avvenga entro una settimana”.
Marcegaglia ha tuttavia sottolineato che “ci aspettavamo liberalizzazioni che non ci sono” e che “tutto il resto e’ una serie di iniziative che aprono processi ma che hanno un impatto immediato piuttosto limitato”. Ad esempio per quanto riguarda la modifica degli articoli 41, 97 e 118 della Costituzione, “la nostra posizione e’ nota – ha detto Marcegaglia – si tratta di un fatto simbolico che avra’ un impatto nel medio termine. Anche sul piano del Sud non si e’ emanato nulla di concreto. In ogni caso – ha concluso – la crescita non si fa con un Cdm, ma con un programma complessivo che auspichiamo vada avanti”.

Crisi: Fitto, su piano sud Marcegaglia ingenerosa.
Sul Piano Sud “i giudizi del presidente della Confindustria Emma Marcegaglia sono ingenerosi e affrettati”: lo afferma in una nota il ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto.
“E’ sempre stimolante per il governo ricevere impulso e sprone a fare meglio e di più, anche quando questi assumono le forme della critica severa”, spiega Fitto. “Spiace invece – osserva – sentire giudizi ingenerosi e forse affrettati. Il Governo si è dato un’agenda molto ambiziosa sul Sud che mira a modificare in radice, secondo le indicazioni che da tempo la stessa Confindustria ha rappresentato, forme di utilizzo delle risorse che non hanno saputo incidere sul ritardo di sviluppo del Sud. Si tratta di un’opera paziente e tenace che richiede una buona dose di volontà politica e che rifugge da ogni tentazione propagandistica”.
In questa prospettiva, ricorda ancora il titolare dei Rapporti con le Regioni, “il Consiglio dei Ministri di oggi ha compiuto  un ulteriore passo in avanti dettando una road map con impegni precisi e date precise. Questo servirà anche ad essere valutati. Nessun roboante comunicato – conclude – solo un esempio di concreta buona amministrazione”.

Ue: Vendola, fitto minaccia il Sud.
“Quelle del ministro Fitto non sembrano auspici ma sembrano minacce”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, commentando la sollecitazione del ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, espressa oggi alla commissione Bilancio della Camera.
“Questi campioni del federalismo – ha aggiunto – si fermano a Roma e per il Sud pensano di doverlo commissariare e derubare. Il Mezzogiorno è stato già derubato dei tanti miliardi di euro dei fondi Fas, oggi rischia di vedersi sottrarre tutte le risorse della finanza straordinaria e comunitaria, dopo che hanno razionato e diminuito le risorse di quella ordinaria”. “Sotto questo punto di vista – ha concluso Vendola – quelle del ministro Fitto non sembrano auspici ma minacce. Del resto siamo davanti al ciclico annuncio di un Piano per il Sud che non pare avere nessun altro contenuto se non quello di ricentralizzare le risorse: ci tolgono cioé i soldi nostri per gestirli loro”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi