Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Terremoto, per restituzione tasse trattativa con l’Unione Europea

L’Aquila. Terremoto, per restituzione tasse trattativa con l’Unione Europea

“Finalmente si apre una vera trattativa con l’Unione europea sulla restituzione delle tasse non versate dopo il sisma dalle imprese del cratere“. Lo dichiara la senatrice Stefania Pezzopane, al termine dell’incontro che si e’ tenuto questa mattina con il Sottosegretario alle Politiche Comunitarie Sandro Gozi, al quale hanno preso parte anche il Sottosegretario Giovanni Legnini, il Presidente della Regione Luciano D’Alfonso, l’assessore regionale Giovanni Lolli, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e l’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano. “Un incontro positivo- ha commentato la senatrice- in cui la delegazione abruzzese ha argomentato l’assurdita’ e l’ingiustizia delle richieste dell’Unione europea alle imprese locali. Oltre ad aver subito danni diretti a causa del sisma, ci sono stati innumerevoli danni indiretti. Il sottosegretario Gozi, che ringrazio per la sua disponibilita’ e per l’atteggiamento di apertura, ha chiesto alla Regione di produrre una relazione dettagliata sui danni subiti a causa del terremoto, il calo di produzione, l’aumento della cassa integrazione, l’abbattimento dei consumi… A fronte di questa relazione, il governo si e’ impegnato ad aprire un confronto con l’Unione europea. Da Roma – conclude Pezzopane – continuero’ a seguire la vicenda e mantenere alta l’attenzione del governo su una vicenda assurda, che riusciremo a superare grazie alla nostra determinazione”.

Terremoto: restituzione tasse; Cialente, Governo ci affianchera’

Un dossier da inviare in Europa e l’appoggio incondizionato del Governo nella trattativa per la restituzione delle tasse sospese per le attivita’ produttive a seguito del sisma e per lo sforamento del tetto del 3 per cento imposto dal Fiscal Compact. Questi i risultati dell’incontro tenutosi a Roma con il sottosegretario alle Politiche comunitarie Sandro Gozi, cui hanno partecipato il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, l’assessore comunale alla Ricostruzione Pietro Di Stefano, il sottosegretario all’Economia Giovanni Legnini, il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, l’assessore regionale alle Attivita’ Produttive Giovanni Lolli e la senatrice Stefania Pezzopane. Lo riferiscono il sindaco Cialente e l’assessore Di Stefano. “Il Governo – ha dichiarato il primo cittadino – ha messo a disposizione i propri tecnici ai fini della stesura del dossier che dovremo inviare in Europa, a sostegno di quanto abbiamo rappresentato al sottosegretario Gozi riguardo alla restituzione delle tasse, a suo tempo sospese, da parte delle attivita’ produttive del territorio. Abbiamo infatti incassato il pieno sostegno riguardo a questa materia e a quella, ugualmente importante, relativa ai vincoli di finanza imposti al nostro Paese dall’Europa attraverso il Fiscal Compact e al limite del 3 per cento nel rapporto tra deficit e Pil. Trovo assurdo, infatti, – ha proseguito Cialente – che la citta’ dell’Aquila, in virtu’ di queste cosiddette regole di disciplina fiscale, non possa accedere, per la ricostruzione, a un finanziamento tramite la Cassa Depositi e Prestiti o a un mutuo bancario. La questione va assolutamente rinegoziata per i territori colpiti da calamita’ naturali. Questa battaglia – ha concluso Cialente – e’ fondamentale ai fini del rispetto del cronoprogramma e, dunque, per una ricostruzione che avvenga in tempi certi e contingentati. L’appoggio e il sostegno del Governo, dunque, costituiscono per noi un elemento di vitale importanza”. “Al Governo – ha spiegato l’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano – abbiamo spiegato la dimensione, anche economica, di quello che e’ accaduto e abbiamo rappresentato i danni, non solo materiali, ma anche in termini di competitivita’, subiti dalle attivita’ produttive. Per queste ragioni non si puo’ chiedere, a chi ha gia’ affrontato tante difficolta’ e che continua a lottare per sopravvivere, una restituzione in toto delle tasse sospese a seguito del sisma. Una situazione – ha aggiunto Di Stefano – che riguarda anche le aziende comunali, ulteriormente penalizzate dal fatto di avere un rapporto esclusivo, in termini di commesse, con l’ente locale. Del resto la Legge 77, quella sul terremoto, parla chiaro in termini di sostegno alle Attivita’ produttive. Un’altra buona notizia – ha concluso l’assessore – riguarda i fondi per la ricostruzione, dal momento che il Governo ci ha rassicurato sul fatto che, entro la fine del 2014, arriveranno ulteriori finanziamenti, a dare ancora ossigeno e nuovo impulso ai cantieri”.

Print Friendly, PDF & Email