Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, Questore a Confcommercio: dati criminalità uguali a 2005

L’Aquila, Questore a Confcommercio: dati criminalità uguali a 2005

Ieri, nella sede della Confcommercio, si è svolto un incontro tra il Questore dell’Aquila Giovanni Pinto  ed  i membri del Consiglio Direttivo del Comprensorio Aquilano di Confcommercio su tematiche di sicurezza.

Nel corso dell’articolato contraddittorio (l’incontro è durato più di 3 ore) è stato possibile fare il punto sull’attuale distribuzione della popolazione aquilana su un territorio con una estensione di gran lunga maggiore rispetto a quella precedente al catastrofico sisma del 2009.

I cambiamenti conseguenti e l’affievolirsi del cosiddetto “controllo sociale”, elemento di fondamentale importanza per la prevenzione dei reati, soprattutto di quelli predatori, hanno modificato radicalmente le condizioni di vita degli aquilani, che percepiscono una crescente insicurezza, come riportato da diversi articoli di stampa e con la tentazione di assumere iniziative a tutela del proprio bene (ronde).

Il Questore, dopo aver illustrato, sulla scorta di dati ufficiali e inoppugnabili – dice la nota di Confcommercio – che il trend criminale è praticamente rimasto inalterato o, come i furti in abitazione, addirittura in regresso (sono stati presi in esame i furti negli esercizi commerciali dal 2005 ad oggi), ha sottolineato l’esigenza di una sinergia più stringente tra i diversi attori della collettività aquilana, non trascurando l’opportunità di procedere ad un aggiornamento del modello di sicurezza di questa città, adattandolo alle nuove esigenze.

I vertici di Confcommercio, dal canto loro, hanno richiesto tra i numerosissimi interventi svolti, una maggiore presenza e visibilità delle Forze dell’Ordine sul territorio, l’avvio di una più proficua e diretta collaborazione con la Questura (si provvederà a designare, da entrambe le parti, specifici referenti) anche al fine di agevolare le comunicazioni dei piccoli furti, perpetrati all’interno dei supermercati, che determinano perdite di esercizio fino al 2% del bilancio annuale.

Tutti i partecipanti hanno convenuto, comunque, che un progetto integrato di sicurezza non può prescindere dall’installazione di impianti tecnologici (in particolare di video sorveglianza) ormai di ampio impiego con risultati spesso determinanti per l’identificazione ed il rintraccio degli autori di reati.

In tal senso, la proficua collaborazione avviata con il Comune di L’Aquila non potrà che rappresentare il volano ideale per il conseguimento di un’organizzazione della sicurezza ancora più rispondente alle esigenze della comunità aquilana.

Al termine dell’incontro il Presidente Alberto Capretti ed i vice Angelo Liberati e Carlo Frutti hanno ringraziato il Questore per la disponibilità dimostrata e dichiarando che la riunione è un buon punto di partenza per un percorso che necessita di costanti monitoraggi, in quanto la sicurezza è e sarà sempre più un valore strategico per il territorio che va difeso con spirito di collaborazione ed unitariamente.

All’incontro ha partecipato il Direttore Regionale di Abruzzo Confcommercio Celso Cioni che, a margine dell’incontro, ha commentato positivamente il confronto che ha definito franco e soprattutto costruttivo.

Print Friendly, PDF & Email