Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Pubblicato bando ricostruzione sede municipale

L’Aquila. Pubblicato bando ricostruzione sede municipale

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea di sabato scorso, 25 maggio, l’avviso di gara per l’appalto integrato, ossia relativo al progetto esecutivo e a quello definitivo, oltre che all’affidamento dei lavori di recupero e consolidamento, di Palazzo Margherita, sede, fino alla data del sisma, del Comune dell’Aquila, e dell’annessa Torre Civica. Lo afferma lo stesso Comune. L’importo economico complessivo a base d’asta, e al netto dell’Iva, e’ di 9 milioni 431mila 884,37 euro, provenienti dal decreto numero 24/2010 del Commissario alla Ricostruzione, dalla delibera Cipe numero 43/2010 e dalla donazione di Federasse Bcc. “Il progetto preliminare – ha ricordato il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente – e’ stato realizzato dai tecnici del settore Ricostruzione pubblica del Comune dell’Aquila, sulla base delle analisi e degli studi condotti dalla facolta’ di Ingegneria dell’Universita’ dell’Aquila relativamente allo stato di fatto del danno, che hanno portato l’Universita’ a proporre delle ipotesi progettuali, prese in considerazione dal Comune. Ringrazio pertanto l’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano, l’ex assessore ai Beni culturali Vladimiro Placidi, cha tanto si sono impegnati per questo risultato, e i tecnici del settore Ricostruzione pubblica, oltre all’Universita’ dell’Aquila e a Federcasse Bcc, per la generosa donazione. “Siamo entrati – ha proseguito il primo cittadino – in una fase cruciale e operativa che ci portera’, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Italiana, a pubblicare il bando sul sito web del Comune e in tutte le sedi opportune”.”Grazie ai 5 milioni donati da Bcc-Federasse e ai 6 milioni e 700mila assegnati al Comune con la delibera Cipe – ha dichiarato l’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano – sara’ possibile recuperare interamente l’edificio monumentale del centro storico piu’ carico di significato e tornare, cosi’, a sentire il rintocco dell’orologio posto sulla Torre civica”.

Print Friendly, PDF & Email