Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. La senatrice Pezzopane: la battaglia per il miliardo di euro va fatta da tutti

L’Aquila. La senatrice Pezzopane: la battaglia per il miliardo di euro va fatta da tutti

“Domani comincerà la discussione sui singoli articoli del decreto emergenze e verranno esaminati e approvati gli articoli e gli emendamenti riguardanti L’Aquila e i territori colpiti dal sisma. Un primo importante risultato sarà la votazione dell’emendamento che porta 1 miliardo duecento milioni per la ricostruzione, frutto di un tenace combattimento iniziato in solitudine col sottosegretario Legnini e solo dopo acquisito agli atti col parere della Ragioneria. Questo risultato ora ci permette di lavorare al secondo e al terzo step”. Lo dice la senatrice del Pd Stefania Pezzopane. “Questo risultato – continua Pezzopane – ora ci permette di lavorare al secondo step, purtroppo non ottenuto già in commissione a causa del mancato via libera della Ragioneria Generale dello Stato, ma che otterremo nel più breve tempo possibile, grazie al lavoro stringente che stiamo facendo quotidianamente con il ministero dell’Economia e con il viceministro Stefano Fassina. Si tratta di ottenere l’anticipazione del miliardo e duecento milioni, a cominciare dalle necessita’ del 2013 e 2014, per andare in assoluta continuità con i fondi CIPE che sono arrivati. L’anticipazione sarà disposta col primissimo provvedimento utile, appena la Ragioneria darà l’ok, e non manca molto. Poi c’è il terzo step – continua ancora Stefania Pezzopane – il miliardo l’anno, una battaglia ora condivisa anche da Chiodi e Berlusconi, quelli del miracolo a L’Aquila, e che ci vede tutti d’accordo. Ora bisogna solo trovare le risorse: Berlusconi e Chiodi ci dicano da dove vogliono prenderle, visto che da un lato parlano di emergenza L’Aquila, ma dall’altra con la sospensione dell’Imu, e non solo, spostano ancora denari. La battaglia per 1 miliardo l’anno va fatta da tutti, anche da chi viene folgorato sulla via di Damasco alle porte delle elezioni regionali”.

Print Friendly, PDF & Email