Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Imprese e Fisco, agevolazioni fiscali per Zone Franche Urbane Abruzzo: i dettagli

L’Aquila. Imprese e Fisco, agevolazioni fiscali per Zone Franche Urbane Abruzzo: i dettagli

Il Fisco spiega le agevolazioni per le Zone Franche Urbane (Zfu) dell’Abruzzo. Con una circolare (la 39/E/13), infatti, l’Agenzia delle entrate ha chiarito termini e modalità di applicazione degli incentivi disciplinati dall’articolo 1, comma 341, della l.n. 296/06 nei territori colpiti dal sisma del 2009.

Le agevolazioni spettano alle micro ed alle piccole imprese localizzate nella Zfu. Per le attività rese dalla imprese cosiddette “plurisede”, la circolare chiarisce che vige l’obbligo di tenere la contabilità separata.

Un primo incentivo dispone l’esenzione dalle imposte sui redditi fino a concorrenza dell’importo di 100.000 euro di imponibile, maggiorato, per ciascun periodo di imposta, di un importo pari a 5.000 euro, ragguagliato ad anno, per ogni nuovo dipendente, residente all’interno del Sistema locale di lavoro in cui ricade la Zona franca, assunto a tempo indeterminato dall’impresa beneficiaria.

Si tratta di un incentivo fruibile – dietro presentazione di istanza al Mise – per 14 periodi d’imposta, in misura piena nei primi 5 anni e con percentuali minori nei successivi.

La circolare precisa che partecipano alla formazione del reddito agevolabile solo i componenti positivi e negativi derivanti dallo svolgimento della attività produttiva, essendo invece esclusi i componenti di natura straordinaria. Parimenti irrilevanti sono quegli elementi la cui tassazione o deduzione è stata rinviata al periodo di imposta oggetto di esenzione in conformità alle disposizioni del Tuir.

Diversamente, per le perdite generate nei periodi di vigenza dell’agevolazione, esse non subiranno alcuna decurtazione ed avranno sempre rilevanza integrale ai fini delle imposte sui redditi.

Nei primi 5 periodi d’imposta successivi all’accettazione dell’istanza, poi, è disposta anche l’esenzione dall’IRAP fino a 300 mila euro di imponibile.

Ai richiedenti, inoltre, spettano agevolazioni contributive. In particolare, per i contratti a tempo indeterminato ovvero a tempo determinato di durata non inferiore a 12 mesi e a

condizione che almeno il 30 per cento degli occupati risieda nel sistema locale di lavoro in cui ricade la ZFU, è fruibile l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali

ed assistenziali, compresa la quota a carico dei lavoratori, sulle retribuzioni da lavoro dipendente nei limiti del massimale annuo di retribuzione.

Anche in questo caso l’esenzione è piena per i primi 5 anni e parziale in quelli successivi. Le agevolazioni decorrono dal periodo di imposta in corso al 30 luglio 2013 e sono fruibili esponendo il credito a compensazione sul modello di pagamento F24, presentato esclusivamente col canale telematico del Fisco.

Per le società c.d. “trasparenti”, l’agevolazione è trasmessa al socio fino al raggiungimento dell’ammontare concesso alla società beneficiaria. La società partecipata, però, dovrà comunicare al Mise i dati identificativi di ciascun socio.

Fonte: ilsole24ore.com

 

Print Friendly, PDF & Email