Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiLancianofiera, approvato bilancio con oltre 7mila euro di attivo

Lancianofiera, approvato bilancio con oltre 7mila euro di attivo

“Lo scorso anno il bilancio era stato approvato a luglio in un’atmosfera molto diversa da quella che si respira oggi, e non solo per i termini rispettati, ma soprattutto per la recuperata fiducia. L’assemblea dei soci riunitasi il 30 aprile scorso ha approvato l’importante documento contabile che si è chiuso con 7.400 euro di attivo. La cifra non è certo alta, ma rappresenta per la Fiera di Lanciano un segnale di grande importanza, non accadeva da tempo di chiudere un bilancio con il segno più”: il presidente Franco Ferrante tiene a sottolineare il positivo risultato del lavoro attento, costante, lungimirante dei collaboratori, dei dipendenti e del cda dell’Ente. “L’aver chiuso in attivo ci fa anche risolvere un problema non di poco conto. Ci fa superare i divieti legislativi che impongono agli enti di non finanziare le società partecipate in perdita – precisa Ferrante – noi eravamo proprio in questa condizione, ora invece non siamo più subordinati a questi limiti”. All’assemblea hanno partecipato tutti: l’assessore Mauro Febbo in rappresentanza della Regione, l’assessore Eugenio Caporrella per la Provincia di Chieti, l’assessore Valentino Di Campli per il Comune di Lanciano, il dott. Ennio Tritapepe per la Bls, il dott. Mariano Nozzi per la Camera di Commercio. La presenza di tutti è un altro esempio del rinnovato interesse nei confronti del Consorzio Frentano e del suo futuro.
I consensi e la notevole affluenza di visitatori registrati alla 52esima edizione della Fiera dell’Agricoltura, conclusasi da pochi giorni, rappresentano un ulteriore stimolo ad andare avanti con determinazione nel piano di rilancio dell’Ente.
“Il Cda è in via di scadenza e dovrà essere rinnovato, l’intento dei soci è quello di approvare prima il nuovo statuto – conclude il presidente – che 
riduce i consiglieri da 11 a 5, sono d’accordo nell’accelerare i tempi sia per lo statuto, che per il piano di rilancio”.

Print Friendly, PDF & Email