Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Bankitalia: prosegue lento il recupero consumi, migliora fiducia

Italia. Bankitalia: prosegue lento il recupero consumi, migliora fiducia

Prosegue il “lento recupero” dei consumi e migliora il clima di fiducia delle famiglie italiane. E’ quanto emerge dal bollettino economico della Banca d’Italia. “La spesa delle famiglie – spiega Bankitalia – continua ad aumentare, seppur in misura contenuta, sostenuta prevalentemente dagli acquisti di beni durevoli. Nei primi mesi dell’anno il clima di fiducia ha segnato un deciso miglioramento, guidato soprattutto dalle prospettive sulla situazione generale dell’economia, collocandosi in marzo sui livelli massimi dal giugno 2002″. Secondo Bankitalia, “il lento recupero dei consumi privati, in atto dall’estate del 2013, è proseguito nell’ultimo trimestre dello scorso anno (0,1 per cento rispetto al periodo precedente), sostenuto però esclusivamente dall’aumento della spesa per beni durevoli e per servizi (0,3 per cento per entrambe), a fronte della diminuzione degli altri consumi. Il potere d’acquisto delle famiglie, pur diminuendo rispetto al trimestre estivo (-0,5 per cento; fig. 23), si è confermato su livelli più elevati di quelli della prima parte del 2014, beneficiando anche delle misure a favore delle famiglie con reddito medio-basso introdotte nella legge di stabilità”.  L’istituto di Via Nazionale ricorda che “nella fase più acuta della recessione i consumi, che alla fine del 2014 erano ancora di quasi l’8 per cento al di sotto dei valori pre-crisi, avevano risentito della compressione del reddito disponibile e della ricchezza. Secondo i più recenti indicatori – si legge nel bollettino di Bankitalia – nel primo trimestre di quest’anno i consumi avrebbero registrato un nuovo incremento. Gli acquisti delle famiglie sarebbero stati ancora sospinti dalle componenti dei servizi e dei beni durevoli; nel primo trimestre le immatricolazioni di autovetture hanno accelerato, aumentando del 7,3 per cento rispetto al periodo precedente”.

Print Friendly, PDF & Email