Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaGermania, vola l’export delle armi: destinazione i paesi del Golfo

Germania, vola l’export delle armi: destinazione i paesi del Golfo

Si sa, l’industria tedesca affronta la crisi dell’Eurozona cercando un boom dell’export fuori dal Vecchio continente. E’ vero anche per l’industria militare. La Germania, divenuta negli ultimi anni uno dei principali esportatori di armi del mondo, ha quasi triplicato l’anno scorso le vendite di armamenti alle monarchie arabe del Golfo. L’Arabia saudita in particolare, vista dal governo della cancelliera Angela Merkel come “un fattore di stabilità”. Le opposizioni, soprattutto la sinistra radicale (Linke) e le Ong pacifiste o per la difesa dei diritti umani protestano, ricordando il carattere autoritario dei sistemi politici nelle monarchie, emirati e sceiccati.

Bahrein, Qatar, Kuwait, Oman, Emirati Arabi Uniti, e soprattutto Arabia saudita hanno ordinato e acquistato armi tedesche nel 2012 per un valore di 1,42 miliardi di euro, contro i circa 570 milioni dell’anno precedente. Secondo Der Spiegel, i soli contratti firmati con l’Arabia saudita ammontano addiritttura a 1,34 miliardi. Carri armati Leopard 2, blindati leggeri, sommergibili, ma anche sistemi aerospaziali, sviluppati nella Eads soprattutto insieme ai britannici, come i sistemi d’arma ed elettronici per i cacciabombardieri Eurofighter Typhoon e Tornado, in servizio nella Royal Saudi Air Force. Ecco i principali sistemi d’arma made in Germany acquistati dagli sceicchi. Per la difesa, specie considerando il pericoloso riarmo della dittatura islamista iraniana e i suoi piani atomici. Ma le Ong per i diritti umani temono che le armi vengano usate anche per l’ordine interno, a scopi repressivi.

Un altro nuovo cliente dell’industria militare tedesca è l’Algeria, che secondo alcuni osservatori, come gendarme regionale, punta ad assumersi un ruolo di “Arabia saudita del Nordafrica”. Forte degli export di petrolio e gas e di una relativa competenza industriale, l’Algeria oltre ad armi russe come i caccia Sukhoi 27/30 ha ordinato nel 2012 armi made in Germany per almeno 287 milioni di euro, contro i 20 milioni del 2011.

da www.repubblica.it

Print Friendly, PDF & Email