Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiChieti. Agricoltura, Coldiretti: meno burocrazia per le imprese agricole

Chieti. Agricoltura, Coldiretti: meno burocrazia per le imprese agricole

Protagonista l’agricoltura provinciale nell’assemblea annuale della federazione provinciale di Coldiretti Chieti, che si è svolta a Lanciano nell’agriturismo L’Antica Cucina alla presenza di oltre 40 presidenti di sezione. Un incontro per la consueta approvazione dei bilanci ma anche per fare il punto sull’importante azione sindacale che si sta svolgendo a livello territoriale. Presenti all’incontro oltre al presidente provinciale Sandro Polidoro e al direttore Giordano Nasini, il direttore regionale di Coldiretti Abruzzo Alberto Bertinelli. Polidoro, ad apertura, ha parlato della grande partecipazione all’incontro territoriale Coldiretti delle regione del centro-Italia, svoltosi il 4 giugno a Firenze, e dei risultati ottenuti grazie a questi grandi appuntamenti mobilitavi: dallo sblocco dei pagamenti Agea alla sentenza sugli Ogm, dal tappo antirabbocco alla chiusura dell’accordo della Pac fino al voto in parlamento sui succhi di frutta. Nasini ha descritto i numeri del bilancio da cui si evidenzia una federazione in crescita, sia per il numero di servizi elaborati sia dal punto di vista finanziario. Ma il fulcro dell’incontro è stato sui temi sindacali, con particolare riferimento alla necessità della semplificazione di una burocrazia che ingessa e costringe le imprese a perdere tempo. Solo nel comparto vitivinicolo, settore di punta della provincia di Chieti, si stimano – ha evidenziato il direttore – più di 70 pratiche diverse dal vigneto alla bottiglia, con oltre 20 soggetti coinvolti, 4000 pagine di norme e ben 100 giornate all’anno perse per la produzione di “carte”. <<Una situazione paradossale che le imprese non possono più fronteggiare>> ha detto Nasini <<è necessario trovare soluzioni per problemi che rallentano uno dei settori più importanti, oggi, dell’economia regionale>>. Altro tema è l’eccessiva presenza di animali selvatici sul nostro territorio, in particolare cinghiali, su cui Coldiretti sta portando avanti una battaglia per sensibilizzare le istituzioni. Tra gli obiettivi futuri, ripartire con un nuovo ciclo di riunioni zonali e sindacali per rendere protagonista la base associata. <<Gli incontri con la base sono importanti per conoscere le problematiche dei territori e le soluzioni che Coldiretti mette in campo attraverso il suo progetto>> ha chiuso Polidoro.

Print Friendly, PDF & Email