Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, precari: pagate le tasse sui soldi mai presi

Abruzzo, precari: pagate le tasse sui soldi mai presi

Un cinico proverbio abruzzese recita: “Lu cane mòccica simbre a lu stracciate”, il cane morde sempre lo straccione. Ed è perfetto per i 110 precari – anzi, peggio: ex precari – della società Teramo Lavoro, il cui stesso nome suona beffardo da quando il 31 dicembre scorso la Provincia, che l’aveva creata nel 2010, l’ha dismessa perché non aveva più i soldi per mantenerla. Non bastava essere stati precari per molti anni (il nucleo storico di questi lavoratori è stato assunto nei primi anni Duemila); non bastavano le promesse di stabilizzazione, le estenuanti trattative per ottenere proroghe a contratti a tempo in perenne scadenza, i guai giudiziari che hanno accompagnato la breve esistenza della Teramo Lavoro. No, non bastava tutto questo. Perché ora ai 110 “stracciati” sono arrivati i Cud per la dichiarazione dei redditi 2012 e sono sbagliati. La società, infatti, vi conteggia anche i tre stipendi non percepiti l’anno scorso e i Tfr mai presi. Insomma: gli ex precari rimasti disoccupati devono pagare le tasse anche su soldi che non hanno mai visto. E’ una beffa, ma non fa ridere. Dimostra che il Sistema inceppato che ha creato la precarietà ignora anche elementari valori come attenzione e pulizia formale. E se un Sistema non rispetta neanche i numeri, figuriamoci le persone.

Print Friendly, PDF & Email