Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Economia: occorrono contromisure con più investimenti

Abruzzo. Economia: occorrono contromisure con più investimenti

“I dati negativi, occupazionali e di crescita, dell’Abruzzo non sorprendono, perche’ confermano quanto sappiamo da tempo; se mai, fanno arrabbiare, perche’ le terapie necessarie, da tempo individuate, ancora non vengono somministrate”. Lo dice il segretario generale della Uil Abruzzo, Roberto Campo. “Gli occupati in Italia aumentano, sia pure poco e male (aumentano nella fascia d’eta’ 50-64 a causa delle distorsioni prodotte dalla legge Fornero sulle pensioni); in Abruzzo scendono. Primo trimestre 2016 rispetto al primo trimestre 2015: +1,1 Italia, +0,9 Sud, -2,6 Abruzzo. Si accentua la divergenza tra Nord e Sud e si assottiglia il vantaggio dell’Abruzzo rispetto al resto delle regioni del Sud. Se confrontiamo i primi trimestri dal 2010 a oggi – rileva Campo – vediamo che quello del primo trimestre 2016 e’ il secondo peggior dato dopo quello del 2014, anno nerissimo. I disoccupati sono 70.004 nel I trimestre 2016; erano 71.794 nel i trimestre 2015: 1.790 disoccupati in meno, ma gli inattivi aumentano di 4mila, da 308mila a 312mila.
Fino al 2012, i disoccupati erano intorno ai 40mila; dal 2012, sono intorno ai 70mila. Il tasso di disoccupazione resta al 12,7, come nel i trimestre 2015 (mentre migliora a livello nazionale e nelle ripartizioni Nord, Centro e Sud). Nel frattempo – prosegue il segretario – il Cresa ha pubblicato dati sulla crescita e sull’industria manifatturiera. Il Cresa da’ per positivo, ancorche’ modesto, il +0,2 di PIL dell’Abruzzo nel 2015 (rispetto al 2014), ma se consideriamo che dal 2001 al 2014 l’Italia ha perso l’1,1 di PIL e l’Abruzzo il 3,3, e che il dato nazionale del PIL 2015 e’ +0,8 rispetto al 2014, bisogna concludere che prosegue la divergenza dell’Abruzzo dal Centro-Nord, in perfetta analogia, purtroppo, con il dato occupazionale. I dati positivi dell’industria manifatturiera nel I trimestre 2015 – bene produzione (+8,8) e fatturato (+7,2), con un piu’ modesto ma positivo dato anche per l’occupazione (+0,6) – evidenziano una volta di piu’ che in Abruzzo ci sono due economie, quella che ruota intorno alla grande impresa manifatturiera e quella, sempre piu’ frammentata, della piccola impresa”.
“Ed e’ altresi’ evidente – e’ l’osservazione del sindacalista – che la somma delle due, nonostante i buoni dati dell’industria manifatturiera, e’ negativa. L’analisi della situazione e’ ormai consolidata, almeno per chi non cerca illusioni; adesso e’ tempo di mettere in atto delle contromisure. Occorono piu’ investimenti. Siamo forse finalmente alla vigilia della partenza degli investimenti 2014-2020, con un ritardo accumulato di 2 anni e mezzo. La programmazione e’ stata fatta meglio delle precedenti, nondimeno il ritardo pesa: e’ indifferibile l’uscita dei primi bandi e l’apertura dei primi cantieri. Anche il Master Plan, che doveva essere una terapia d’urto 2016-2017, ha bruciato un quarto del tempo senza entrare in fase operativa. Abbiamo inoltre qualche preoccupazione sulla capacita’ della macchina amministrativa regionale di far effettivamente partire tutti questi programmi. Se pero’ si riuscira’ a passare ai fatti, l’economia e il mercato del lavoro dell’Abruzzo cominceranno finalmente a ricevere quegli stimoli positivi che mancano da anni”.
Per Roberto Campo, infine, “Bisogna avere chiara l’entita’ del male che ci fa la fiscalita’ di svantaggio. Se i fondi strutturali europei comportano circa 370 milioni di investimenti in 7 anni, si deve sapere che le tasse punitive aggiuntive (addizionale regionale Irpef ed Irap) estraggono da cittadini e imprese abruzzesi in 7 anni piu’ di 900 milioni: e’ un fondo strutturale alla rovescia, pienamente operativo da anni, mentre i fondi strutturali di investimento ancora non partono. Il Patto per lo Sviluppo dell’Abruzzo, un’integrazione al Master Plan che le parti sociali stanno costruendo con la Regione, dovra’, tra le altre cose, contenere un piano di eliminazione di questa tassazione debilitante”.

Print Friendly, PDF & Email