Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, Coldiretti: “cresce attenzione su olio come antitumore”

Abruzzo, Coldiretti: “cresce attenzione su olio come antitumore”

I consumatori sono più attenti alla qualità dell’olio che mangiano: acquistano sempre più extra vergine, che rappresenta il 72% del fatturato per la GDO contro il 13% di quello dell’olio di oliva; mentre sale al 12% la quota del marchio “100% italiano”. A questi dati, già importanti, si aggiunge un aspetto fondamentale: numerosi studi epidemiologici dimostrano che il consumo di olio d’oliva è associato ad un ridotto rischio di contrarre alcune patologie cronico-degenerative come le malattie cardiovascolari e i tumori. Sintetizzando: l’uso regolare di un buon olio extravergine di oliva ricco di composti fenolici può prevenire l’insorgenza di alcune neoplasie maligne nell’uomo.
 
E’ quanto è emerso dall’incontro ‘Salute e prevenzione. Nuove frontiere per l’extra vergine’ che si è svolto a Chieti questa mattina promosso, in collaborazione con Unaprol, da Coldiretti – Fondazione Campagna Amica e Lega italiana per la lotta contro i tumori (LILT), l’associazione che ha scelto l’olio extra vergine di oliva come prodotto testimonial della propria campagna di lotta al cancro. Presenti all’incontro, in un teatro pieno di imprenditori, cittadini e autorità, il presidente nazionale della Lilt Francesco Schittulli, il presidente nazionale di Unaprol Massimo Gargano, il direttore della Fondazione nazionale Campagna Amica Toni De Amicis, il presidente di Coldiretti Abruzzo Domenico Pasetti e l’assessore regionale all’agricoltura Mauro Febbo, oltre agli esperti Roberto Fabiani (igienista) e Luca Piretta (nutrizionista) e il sindaco Umberto Di Primio..
Un incontro in cui è stato evidenziato che << la potenzialità dell’olio extra vergine di prevenire alcune malattie è direttamente proporzionale al concetto di qualità del prodotto, che deriva da valenze agronomico - climatiche, produttive, di corretto mantenimento ed impiego nella cucina giornaliera>>. Più è alta la concentrazione di polifenoli più marcata la sua capacità di svolgere un’azione antiossidante. E in proposito, nel convegno è emerso anche un interessante dato: gli italiani consumano ogni anno mediamente 14 chili a testa di olio extra vergine di oliva, assumendolo circa due volte al giorno.
 
Nel corso dell’incontro, Massimo Gargano dell’Unaprol ha evidenziato ‘’l’importanza di un modello di sviluppo basato sul legame tra identità territoriale e alimentazione’’, Tony De Amicis si è soffermato sulle ‘’straordinarie potenzialità dell’Italia per cultura alimentare e agricola, asset su cui è fondamentale puntare oggi’’, gli esperti hanno evidenziato il rapporto tra alimentazione sana e diminuzione dell’insorgenza delle malattie. Il presidente della Lilt, l’oncologo Francesco Schittulli, ha sottolineato come “la patologia tumorale tende oggi a crescere perché è aumentata l’aspettativa di vita, ma è anche aumentata la percentuale di guarigione che arriva al 61%’’, Roberto Fabiani ha evidenziato che ‘’il consumo di olio è inversamente collegato allo sviluppo di neoplasie’’ e Luca Piretta ha consegnato un dato particolarmente interessante: ‘’se il 4 per cento dei tumori dipende da ciò che respiriamo, ben il 35% da ciò che mangiamo’’. E in tal senso, l’olio d’oliva extravergine rappresenterebbe un formidabile alleato anti-tumore. E non solo. Secondo gli studi più recenti, il consumo di extravergine rappresenterebbe anche un importante inibitore della crescita dell’Helicobacter Pylori.  
 
Un buon extra vergine aiuta a vivere meglio, insomma. Ancor più in Abruzzo, dove la produzione di olio extravergine è una tradizione particolarmente rappresentativa e trainante, essendo l’olivo la seconda coltura arborea più coltivata subito dopo la vite, con 44.000 ettari coltivati, pari al 4% del totale investito in Italia ed al 5% dell’intera superficie olivicola del mezzogiorno.  Nel dettaglio provinciale si evidenzia come la provincia di Chieti contribuisca con circa il 50% alla produzione regionale e la provincia di Pescara con circa il 30%, mentre la provincia di Teramo presenta una realtà aziendale molto frammentata e con superfici limitate. Nell’ultima campagna produttiva è stato stimato un lievissimo calo della produzione ma un notevole aumento della qualità. <> spiega Domenico Pasetti, presidente di Coldiretti Abruzzo <>. In proposito, l’assessore regionale all’agricoltura Mauro Febbo ha infine evidenziato l’importanza di difendere ‘i prodotti che fondano le proprie radici e la propria forza economica nell’identità territoriale. In questo modo>> ha detto l’assessore <>.

Print Friendly, PDF & Email