Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo chimica: 9 degli 11 progetti erano di Università abruzzesi

Abruzzo chimica: 9 degli 11 progetti erano di Università abruzzesi

La ricerca universitaria abruzzese si conferma, in ambito chimico, foriera di quella produttività che attribuisce, ancora una volta, valore aggiunto ad un settore ormai rilevante per l’economia della nostra regione. É quanto confermato dai “risultati innovativi” presentati in occasione della prima Giornata di Studio “Chimica, Innovazione e …”, dedicata alla memoria del Prof. Giancarlo Bettoni, svoltasi martedì scorso presso l’Aula Magna del Dipartimento di Farmacia, nel Campus teatino dell’Università G. D’Annunzio. Degli undici progetti di ricerca discussi nel corso dell’evento patrocinato anche dalla Presidenza del Consiglio Regionale e dalla Società di Chimica Italiana, infatti, ben nove sono stati sviluppati da università abruzzesi, con studi i cui promettenti riscontri mirano ad apportare un sensibile e concreto contributo in ambito medico, farmaceutico, alimentare ed ambientale. In quest’ultimo settore, ad esempio – spiega una nota – la ricerca condotta dal team composto da Lucia Tonucci, Francesca Coccia, Krystel Di Pietrantonio, Nicola D’Alessandro e Mario Bressan (Univ. D’Annunzio), ha portato alla sintesi di nuove nanoparticelle metalliche, la cui richiesta “é in continua crescita in svariati settori”, preparate “con metodo green” (grazie all’utilizzo di polimeri fenolici naturali) anziché con l’impiego di tradizionali “riducenti tossici e costosi”. Sempre in ottica ambientale, i risultati degli studi condotti dal gruppo guidato da. Francesco De Angelis (Univ. dell’Aquila), “forniscono un importante contributo” nel campo delle indagini legate al particolato atmosferico, così come “dati significativi, di notevole interesse per la costruzione di sistemi farmacologici” in ambito di trasporto ionico, emergono dalle molecole esaminate dal gruppo dell’Università D’Annunzio (Dip. Farmacia) del quale fanno parte Romina Zappacosta, Antonella Fontana, Alberto Credi e Arturo Arduini.

Tre, e tutti focalizzati sui settori alimentare e ambientale, sono i progetti curati dall’Università di Teramo.

Print Friendly, PDF & Email