Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, autocarri e autobus: immatricolazioni a picco con un – 42%

Abruzzo, autocarri e autobus: immatricolazioni a picco con un – 42%

In Abruzzo nel 2012 le immatricolazioni di autocarri pesanti (e cioe’ con peso totale a terra superiore a 3,5 tonnellate) sono calate del 42% rispetto al 2011. Ancora peggiore e’ il dato delle immatricolazioni di autobus, che sono diminuite dell’84,4% rispetto all’anno precedente. Tra le province abruzzesi solo L’Aquila presenta un dato positivo, e cioe’ la crescita delle immatricolazioni di autobus del 14,3%, mentre le immatricolazioni di autocarri pesanti sono calate del 45%. Nelle altre province entrambi i comparti presentano dati fortemente negativi. A livello nazionale nel 2012 le immatricolazioni di autocarri con peso totale a terra superiore a 3,5 tonnellate sono state 4.539, con una diminuzione del 41,4% rispetto al 2011. Sempre nel 2012 le immatricolazioni di autobus sono state 2.322, con un calo del 34,5% rispetto all’anno precedente. Il calo delle immatricolazioni di autocarri pesanti e autobus, sottolinea il Centro Ricerche Continental Autocarro (autore dello studio da cui provengono questi dati), ha raggiunto nel 2012 percentuali all’incirca doppie rispetto alla diminuzione fatta registrare dalle immatricolazioni di autovetture (che si e’ attestata al 19,8%, secondo i dati Unrae). A certificare ulteriormente lo stato di crisi profonda del mercato di camion e autobus vi sono poi anche i dati sul traffico in autostrada di mezzi pesanti, traffico che, nel 2012, secondo i dati Aiscat e’ calato del 7,5% rispetto al 2011.

A certificare ulteriormente lo stato di crisi profonda del mercato di camion e autobus, anche i dati sul traffico in autostrada di mezzi pesanti, che, nel 2012, secondo i dati Aiscat e’ calato del 7,5% rispetto al 2011. Le ragioni del crollo delle immatricolazioni di autocarri pesanti e autobus, sostiene il Centro ricerche, sono da ricercarsi nella crisi economica che ha colpito pesantemente il settore dei trasporti pesanti.
   La crisi si fa sentire anche in Lombardia. Nel 2012, infatti, le immatricolazioni di autocarri pesanti sono calate del 48,7% rispetto al 2011. Leggermente migliore, ma comunque molto negativo, il dato delle immatricolazioni autobus, diminuite del 44,6% rispetto all’anno precedente. Tra le province lombarde Pavia e Varese hanno fatto registrare un incremento delle immatricolazioni di autocarri pesanti (rispettivamente +30% e +11,6%) mentre Cremona, Lecco e Mantova hanno evidenziato una crescita delle immatricolazioni di autobus (rispettivamente del 300%, dell’83,3% e del 75%). Nelle altre province entrambi i comparti presentano dati fortemente negativi.

Print Friendly, PDF & Email