Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaVincolo assunzioni nei piccoli Comuni: bene Corte dei Conti

Vincolo assunzioni nei piccoli Comuni: bene Corte dei Conti

“Una pronuncia che restituisce ragionevolezza alle norme e alla loro applicazione. Soprattutto, una pronuncia che consente

 

finalmente a migliaia di Comuni di far fronte a situazioni altrimenti insostenibili e penalizzanti per i loro cittadini e le loro comunità”. Così Mauro Guerra, coordinatore nazionale Anci Piccoli Comuni commenta la delibera 3 di quest’anno delle sezioni riunite della Corte dei Conti che hanno riconosciuto inapplicabile ai Comuni sotto ai 5 mila abitanti il vincolo del 20% sulle assunzioni a tempo indeterminato. 
“Da tempo – sottolinea Guerra – abbiamo chiesto con forza un chiarimento in sede politica che definisse in modo certo la inapplicabilità ai Comuni con meno di 5 mila abitanti della norma vincolistica sul personale prevista dal decreto legge 78/2010, poi convertito nella legge 122/2010, che impone per le assunzioni il limite del 20% delle cessazioni intervenute nell’anno precedente. Lo abbiamo chiesto per ragioni di logica interpretativa e lo abbiamo chiesto anche per evidenti motivi di ragionevolezza e buon senso. Come potrebbe operare in questo modo un Comune con 4, 5, 10 dipendenti? Sarebbe condannato al progressivo esaurimento senza possibilità di rimpiazzo alcuno”.
“In tal senso – prosegue Guerra – vi erano già state alcune pronunce di sezioni regionali della Corte dei Conti, ma molti amministratori sono stati condannati comunque a vivere nell’incertezza, in presenza anche di pronunce di segno opposto. Sarebbe stato utile, razionale, ragionevole, che fosse la politica a dare una interpretazione di buon senso alle norme e a fornire un chiarimento a migliaia di amministratori. Purtroppo, nonostante le nostre pressanti richieste, non siamo riusciti ad ottenere un pronunciamento in tal senso da parte del Governo e/o del Parlamento”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi