Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieVasto, inquinamento: presentato esposto per Punta Penna

Vasto, inquinamento: presentato esposto per Punta Penna

 

Una dettagliata denuncia a tutte le autorità competenti con il chiaro intento di accertare la rispondenza delle notizie riportate da Italia dei Valori, Sel e Rifondazione circa i «cupi scenari che si prospettano nell’area industriale di Punta Penna, già interessata,

secondo i tre partiti di maggioranza, da gravi problemi circa la qualità dell’aria». Ad annunciarla, questo pomeriggio, nel corso di un breve incontro con i giornalisti, e’ stato il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna. «La gravità delle affermazioni contenute nel documento – ha dichiarato il sindaco – mi obbligano ad avviare una indagine accurata a tutela dei cittadini residenti e delle migliaia di persone che quotidianamente frequentano l’area di Punta Penna e le realtà contigue, ad alto pregio ambientale e di attività turistica per quanti, soprattutto nel periodo estivo, sono a Vasto. In queste ultime ore sono stato raggiunto da decine e decine di telefonate. Si tratta di affermazioni delicate ed allarmanti, con danni all’immagine di Vasto. La richiesta di indagine da parte mia si è poi resa ancor più necessaria perché a lanciare l’allarme sono state forze politiche che amministrano la città». Il primo cittadino ha aggiunto di aver chiesto informazioni coinvolgendo Regione, Asl, Arta, i Noe dell’arma dei Carabinieri, la Sovrintendenza ai beni ambientali, il Consorzio Industriale e lo sportello unico per le Attività Produttive. «Nello specifico – ha aggiunto Lapenna – ho necessità di avere notizie sulla qualità dell’aria, se è vero o meno che sono stati autorizzati impianti per lo smaltimento di acidi esausti da lavorazioni industriali e impianti per lo stoccaggio di lavorati per il petrolio e se sono state richieste autorizzazioni ed eventualmente rilasciate dal Consorzio Industriale per realizzare anche un cementificio a Punta Penna. In particolare alla Sovrintendenza per i beni Ambientali e Paesaggistici ho chiesto di sapere, se la pratica è stata inoltrata, atteso che si parla di insediamento a ridosso della falesia di Punta Penna». Il sindaco, che non ha inteso rispondere alle domande dei giornalisti, ha concluso il breve incontro ricordando le tante battaglie che ha portato avanti in questi anni a tutela della Riserva di Punta Aderci. «Chi conosce la mia storia politica – ha detto – sa le tante battaglie ambientali che ho portato avanti negli anni, sa quello che ho fatto per l’istituzione della Riserva Naturale di Punta Aderci. E sa anche che sono uno dei più convinti assertori del Parco della Costa Teatina. Ecco perche’ su questi argomenti non temo confronti con nessuno e nessuno può farmi delle lezioni sia dai banchi della maggioranza che della minoranza».

Fonte: quotidianodabruzzo

Print Friendly, PDF & Email

Condividi