Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieVasto, Golden Lady: chiusura vicina

Vasto, Golden Lady: chiusura vicina

 

«La classe politica? Pensa a schieramenti, riposizionamenti, rimpasti di giunte, strategie in vista delle prossime elezioni. Mai che ci si occupi di questioni concrete, del lavoro che non c’è o di quello che c’è e che sempre più è a rischio. È un panorama desolante».

È sconfortante l’analisi di Giuseppe Rucci, segretario provinciale della Filctem-Cgil. Dopo l’ennesima riunione, presso la sede vastese dell’Assindustria, tra rappresentanti delle organizzazioni sindacali e direzione aziendale dello stabilimento per l’infinita vertenza Golden Lady, Rucci fa il punto della situazione. Per la Golden Lady la chiusura della fabbrica è ormai ad un passo. Il percorso attuale è quello avviato tempo fa, con le misure degli ammortizzatori sociali utili a rendere meno ‘traumaticà l’uscita dei lavoratori dal ciclo produttivo. Ne sono 382 ad essere coinvolti. L’azienda ha comunicato l’intenzione di avviare le procedure di mobilità per i lavoratori del sito gissano, preludio dei licenziamenti. I rappresentanti sindacali chiedono il riconoscimento di un ulteriore periodo di cassa integrazione straordinaria, di due anni, per chiusura. Ma senza l’intervento della politica ogni sforzo risulta vano, evidenzia Rucci. Politica assente, distratta, se non indifferente. Dopo l’incontro del 13 settembre scorso a Roma, al ministero dello Sviluppo Economico, nessuna novità saliente è stata registrata. Il riconoscimento dell’area di crisi per la Val Sinello, fin qui, è soltanto sulla carta.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi