Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiVasto. Consorzi bonifica, Copagri: riorganizzarli e ridurre meno

Vasto. Consorzi bonifica, Copagri: riorganizzarli e ridurre meno

Riorganizzare e ridurre il numero dei consorzi di bonifica abruzzesi attraverso un tavolo di concertazione. La richiesta e’ contenuta in una lettera che l’Unione regionale della Confederazione produttori agricoli (Copagri) ha inviato al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, e all’assessore alle Politiche agricole Dino Pepe. “In un periodo di spending review esteso ad ogni livello istituzionale il mondo dei Consorzi di Bonifica non puo’ rimanerne fuori sia per quanto concerne l’attuale numero che per le funzioni che questi svolgono al servizio del territorio e delle aziende agricole”, scrive il residente vicario della Copagri Abruzzo Camillo D’Amico. “Le funzioni vanno rideterminate al piu’ presto – prosegue – perche’ spesso e palesemente si sovrappongono a quella di altri Enti generando non solo confusione tra i cittadini ma si eleva anche il legittimo quesito, certamente populista ma comunque giusto, a cosa servono ancora i Consorzi di Bonifica?. Noi riteniamo che gli attuali 5 Consorzi di Bonifica siano troppi; a nostro sommesso avviso 3 potrebbero rappresentare il giusto equilibrio attraverso la fusione di quello ‘Centro’ sito a Chieti con quello ‘Sud’ di Vasto ed unendo gli attuali 2 operanti in provincia dell’Aquila. Sarebbe una giusta ed equilibrata razionalizzazione. Certamente – si legge nella lettera – esistono pregresse e consistenti situazioni debitorie, come nel caso del Consorzio di Bonifica ‘Sud’, ma il processo di fusione ed accorpamento dovrebbe avvenire solo dopo aver pianificato una chiara azione di rientro a carico del territorio e dell’utenza servita nel periodo pre – fusione. Siamo certi e convinti che, un’azione di questa portata, non solo rilancerebbe l’utilita’ dei questi Enti al servizio del territorio e delle aziende agricole ma troverebbe giusto sostegno tra i cittadini tutti. La nostra – conclude la Copagri – non vuole significare una provocazione ma una proposta seria, sensata e meditata verso la quale attendiamo un vostro segnale di risposta”.

Print Friendly, PDF & Email