Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaUniversità e città dell’Aquila premiate a Lecce

Università e città dell’Aquila premiate a Lecce

Il rettore prof. Ferdinando di Orio ha ricevuto il premio IMID conferito all’Università dell’Aquila per la dedizione alla ricerca, alla formazione, alla cultura. Riconoscimenti sono stati conferiti anche alla preside della Facoltà Medica aquilana prof.ssa Maria Grazia Cifone, agli studenti dell’Ateneo aquilano e alla città dell’Aquila.

 

Si è svolta a Lecce la 7a edizione dell’IMID Scientific 2011 Interannual Conference dedicata quest’anno ai Percorsi evolutivi dei Disordini Infiammatori Immunomediati e Ambiente-correlati.
Nel corso della conferenza scientifica sono stati ieri sera conferiti i premi IMID 2011 che quest’anno sono stati attributi all’Università e alla città dell’Aquila. In particolare il rettore prof. Ferdinando di Orio ha ricevuto il premio IMID per la dedizione alla ricerca, alla formazione e alla cultura.
Alla preside della Facoltà medica aquilana, prof.ssa Maria Grazia Cifone, è stato conferito il premio IMID per la ricerca traslazionale mentre agli studenti dell’Università dell’Aquila, presenti con una loro rappresentanza, è stato conferito il premio IMID per la fedeltà all’impegno scientifico e sociale.
Alla città dell’Aquila è stato, inoltre, conferito il riconoscimento “L’Hidalgo”. La manifestazione ha visto la partecipazione delle autorità politiche cittadine, provinciali e regionali, dei rettori dell’Università di Lecce e della Basilicata, e di numerosissimi professori e ricercatori che si occupano di malattie immuno-mediate. L’IMID project è un progetto scientifico innovativo che intende sviluppare la ricerca traslazionale in medicina, coinvolgendo non solo i ricercatori scientifici, ma anche gli operatori sanitari, i pazienti e i cittadini nei processi dell’evoluzione biomedica, con l’obiettivo di promuovere nuovi modelli di assistenza sanitaria più efficienti, efficaci ed appropriati.
I riconoscimenti all’Università dell’Aquila hanno inteso sottolineare i contributi dati alla ricerca scientifica, alla formazione e alla cultura ma anche gli sforzi compiuti per il rapido ritorno alla normalità della vita universitaria dopo gli effetti disastrosi del sisma dell’aprile 2009.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi