Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTortoreto, colpo alla Carisap: presi i rapinatori

Tortoreto, colpo alla Carisap: presi i rapinatori

E’ il 4 gennaio e tre individui mettono a segno un colpo alla Carisap di via Carducci di Tortoreto. Fuggono con 35 mila euro. Il 16 gennaio, stesse dinamiche, con i tre che assaltano la filiale Banca Sella di via Mazzini di Alba Adriatica, uscendone con 20 mila euro di bottino. Il 25 gennaio tocca alla Tercas di Corropoli, sulla SS 259. I malviventi tengono sotto costante minaccia gli impiegati e i clienti presenti in attesa dell’apertura della cassaforte a tempo. Scapperanno con 67 mila euro in tasca.

A distanza di pochi mesi i Carabinieri di Teramo, in collaborazione con i colleghi di Alba Adriatica, hanno individuato e arrestato i tre componenti di una banda napoletanaspecializzata in rapine nel centro e nel nord Italia, con base logistica a Martinsicuro. Le indagini sulle attività di Gennaro Russo (1973), Lorenzo Ciardo (1971) e Rosaria Otranto (1973), coordinate dal pm Irene Scordamaglia, si sono così concluse con i provvedimenti di custodia cautelare notificati su indicazione del gip Domenico Canosa. Un’operazione di cui si è parlato stamattina in un’apposita conferenza stampa indetta presso il comando provinciale dei Carabineiri di Teramo.

Dalle indagini svolte, dalle quali sembrano emergere elementi utili per ordinare altri arresti, risulta che i componenti della banda di professionisti, che hanno sempre agito armati di taglierino e a volto parzialmente travisato, abbiano assaltato banche anche in altre regioni.Le rapine sono state messe a segno tutte nel primo pomeriggio, quando nelle filiali ci sono meno clienti e più giacenza di contante. La fuga, predisposta a bordo di auto prese a noleggio in Campania.

Azioni seguite a soppralluoghi mattutini, durante i quali i malviventi interagivano con gli impiegati come normali clienti. Scaltri ed esperti, e decisamente aggressivi. Così sono definiti i tre arrestati dai militari. Due di questi hanno ricevuto notifica del provvedimento in carcere, a Padova e Pozzuoli. L’uomo ritenuto essere il capo della banda è stato invece intercettato ad Afragola, nella provincia di Napoli.
Da teramonews

Print Friendly, PDF & Email