Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiTollo. Expo: Cantina Tollo ospite dello spazio “Ecco la mia impresa”di Intesa Sanpaolo dedicato alle eccellenze italiane

Tollo. Expo: Cantina Tollo ospite dello spazio “Ecco la mia impresa”di Intesa Sanpaolo dedicato alle eccellenze italiane

Mercoledì 19 agosto, all’Expo Milano 2015 nello spazio espositivo The Waterstone di Intesa Sanpaolo appuntamento con Cantina Tollo, una cantina sociale da sempre protagonista della cultura enologica abruzzese, con oltre 3.000 ettari di vigneti in un territorio ideale, curati con passione tradizionale e tecnologia avanzata. Con “Ecco la mia impresa” 400 aziende dell’eccellenza italiana hanno l’opportunità di essere ospitate e di avere visibilità all’interno dello spazio espositivo di Intesa Sanpaolo in Expo. Esempi della qualità del Made in Italy, le aziende sono state selezionate dalla banca con una forte attenzione alla rappresentatività dei territori e nell’ambito dei settori merceologici affini ai temi di Expo: food, fashion, design e hospitality. Le aziende ospiti sono state scelte attraverso Candida la tua impresa, l’iniziativa promossa da Intesa Sanpaolo con una capillare attività di promozione sui media e attraverso la propria piattaforma editoriale. Nel padiglione dell’Expo The Waterstone Intesa Sanpaolo presenta i suoi servizi e i suoi prodotti in un ambiente che tratta i temi dello sviluppo sostenibile e responsabile, in sintonia con il tema di Expo “Nutrire il Pianeta, Energie per la Vita. Il prossimo appuntamento nel Waterstone, mercoledì 19 agosto, è con Cantina Tollo, sede nell’omonimo paese in provincia di Chieti e nata nel 1960, è oggi tra le più importanti e consolidate realtà del settore vitivinicolo italiano, oltre che un leader nella zona d’origine, con oltre 3.000 ettari a vigna, 822 soci e 13 milioni di bottiglie commercializzate all’anno. Passione e impegno hanno sempre guidato Cantina Tollo e continuano ad accompagnarne i successi. I vini (più di 20 tipi, tra Docg, Dop e Igp bianchi, rosati, rossi e bollicine) sono distribuiti in tutte le regioni italiane attraverso i canali GDO, enoteche e settore ospitalità-ristorazione-catering. Ma si trovano anche in quasi tutti i Paesi dell’Unione Europea, in Giappone, negli Stati Uniti, in Canada e ora anche in Russia, India e Cina. L’esportazione rappresenta un terzo del fatturato. La produzione è concentrata sui vitigni tipici e autoctoni del territorio (Montepulciano, Trebbiano, Pecorino, Passerina e Cococciola), coltivati tradizionalmente a pergola, ma con ampi spazi per l’innovazione e la sperimentazione in campo e in cantina, dove sono all’opera tecnologie avanzate. Gli impianti di invecchiamento consistono in barrique e grandi botti di rovere di Slavonia, a cui si aggiungono le vasche di cemento vetrificato, ritenute oggi le migliori per l’affinamento. Più di 2 milioni di euro sono stati investiti in soluzioni e materiali tecnologici relativi alla qualità dei prodotti e del packaging. I soci, inoltre, vengono retribuiti ad ettaro lavorato e non più a quintali prodotto, esaltando quindi ulteriormente il fattore qualità. La Cantina, oltre ai maggiori certificazioni internazionali di qualità, vanta una trentina di premi e riconoscimenti internazionali per i suoi vini soltanto negli ultimi tre anni, senza contare i numerosi riconoscimenti personali tributati ai componenti del suo team di enotecnici. “Con The Waterstone abbiamo sviluppato uno spazio espositivo aperto e coinvolgente, dedicato ai visitatori e alle aziende, in cui le 400 imprese ospiti possono raccontarsi, incontrare altre realtà imprenditoriali, sviluppare e condividere progetti e idee, nonché studiare nuove opportunità di business internazionali – afferma Stefano Barrese, responsabile area sales e marketing di Intesa Sanpaolo – Da maggio a oggi, The Waterstone ha ospitato decine di imprese differenti per dimensioni e settori merceologici, ma che condividono una produzione di qualità, l’attenzione alla sostenibilità e una storia imprenditoriale di successo. Expo ci ha insegnato che le nostre aziende hanno bisogno di una vetrina internazionale, e che una banca come la nostra ha il dovere di aiutarle a trovarla. Voglio anche ricordare che oltre alle imprese, il nostro spazio offre appuntamenti con la cultura e con lo spettacolo di elevata qualità”

Print Friendly, PDF & Email