Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo lavoro: futuro sempre più nero

Teramo lavoro: futuro sempre più nero

Ieri pomeriggio il presidente della Provincia Valter Catarra (nella foto), l’assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti e l’assessore provinciale Eva Guardiani si sono incontrati con i sindacati (al tavolo mancavano i rappresentanti della Uil) per confrontarsi sul futuro dei Centri per l’Impiego e sulle risorse del Fondo sociale Europeo. Sull’utilizzo di questi fondi, alla luce delle legge di riforma degli enti provinciali che ne ridefinisce funzioni e sistema elettivo, l’assessore Gatti ha confermato garanzie fino al 31 dicembre. Fino a quella data proseguiranno quindi i trasferimenti del Fondo sociale europeo, con i quali la Provincia finanzia i progetti delle politiche del lavoro e paga i dipendenti di Teramo Lavoro. Oltre quel giorno non è dato sapere altro sul futuro dei dipendenti della società in house.

La Provincia di Teramo dovrà, quindi decidere come procedere in vista del 30 aprile, giorno in cui scadranno i contratti dei dipendenti. Inoltre dovrà tenere conto anche della fine della fase di start up della Teramo Lavoro, fissata al 30 giugno. I contratti non sono infatti prorogabili oltre la fase di avvio della società e in ogni caso i fondi disponibili fino al 31 dicembre non consentono una copertura economica a tempo pieno per tutti i dipendenti. I lavoratori coinvolti sperano di avere maggiori informazioni al prossimo incontro fra Istituzioni e sindacati in programma il 16 aprile.
Da Teramo news

Print Friendly, PDF & Email