Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo: la crisi vista dai commercialisti

Teramo: la crisi vista dai commercialisti

Un nuovo presidente e un nuovo Consiglio. Il 15 e 16 novembre i commercialisti di Teramo eleggeranno le persone chiamate a gestire il prossimo corso. Dopo 15 anni infatti, Luigi Montironi, attuale presidente, lascerà l’incarico. La notizia è venuta fuori in giornata in una conferenza durante la quale sono state anche ribadite le difficoltà della categoria. Un bilancio tracciato principalmente per fotografare l’attuale contesto nel quale operano i 736 iscritti (il 20% dei quali, donne) all’Ordine: “Questo quinquennio – ha commentato Montironi – è coinciso con la più difficile crisi economica e finanziaria dal 1929 ad oggi. Il fatturato degli studi è sceso del 30% e si sono dilatati i tempi di riscossione delle parcelle a qualcosa come 180 giorni. A fronte di questa situazione però, il lavoro è aumentato per via degli ulteriori adempimenti fiscali. Un appesantimento al quale non è corrisposto nemmeno una corretta valutazione dell’importanza del nostro ruolo a beneficio dell’interesse pubblico. Noi siamo i prinicpali collaboratori dell’amministrazione finanziaria ma questo dato non viene sempre considerato nella giusta misura”.

E nell’attesa di tempi migliori, i vertici dell’Ordine hanno comunque sottolineato una serie di attività realizzate a sostegno dei clienti, dagli accordi con Equitalia e con l’Agenzia delle Entrate ai seminari organizzati con l’Università, il Tribunale e l’Ance. Ma la situazione resta difficile da sostenere, anche perchè per il numero di abitanti sembra esserci sul territorio un eccesso di offerta. Un problema che si ripercuote maggiormente sui giovani che si avviano alla professione: “A questi colleghi – ha ricordato Montironi – cerchiamo di venire incontro in qualche modo con la riduzione della quota di iscrizione per i primi 5 anni”.
Da Teramonews

Print Friendly, PDF & Email