Ultime Notizie
HomeAgeaInfoTeramo. Imprese: dopo anni torna a crescere il numero di pmi. Bene la ristorazione e il commercio all’ingrosso

Teramo. Imprese: dopo anni torna a crescere il numero di pmi. Bene la ristorazione e il commercio all’ingrosso

Dopo anni di buio, nel Teramano torna il segno positivo nelle iscrizioni delle imprese alla Camera di Commercio. Il terzo trimestre del 2015 ha fatto registrare la presenza di 98 nuove realtà imprenditoriali: svettano la ristorazione e il commercio all’ingrosso                                   
                                                            
L’Associazione provinciale di Casartigiani Teramo comunica, con grande soddisfazione, che è tornato finalmente positivo il saldo delle aziende iscritte alla Camera di Commercio di Teramo.

Il verificarsi di una discreta ripresa imprenditoriale sul territorio provinciale ha fatto innalzare il numero di imprese registrate che, a chiusura del terzo trimestre 2015, si attestano a 42.512, esattamente 98 in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Una differenza che potrebbe essere considerata modesta ma che è fondamentale, in considerazione della negatività ricorrente da molti anni. Riteniamo, quindi, che si tratti di un risultato da valutare come un complessivo ritorno all’attivo per il nostro sistema economico.  
 
 Tra i settori più dinamici, trainati anche da una stagione estiva eccellente, svettano quello relativo ad alloggio e ristorazione con 3.425 imprese (+ 80 rispetto al 2014), seguito da quello del commercio all’ingrosso e al dettaglio con 10.192 aziende (+70). L’andamento peggiore si è registrato, come prevedibile, nel settore delle costruzioni  con 5.285 imprese (- 117 iscrizioni).
 
Questa timida ma importante ripresa in provincia di Teramo testimonia anche l’efficacia del ruolo che ha svolto Casartigiani, sempre a sostegno alle aziende associate. Di strategica importanza, per esempio, l’azione dei due confidi : Intercredit ed Arte & Progresso, promossi da Casartigiani e dal Gruppo Consorform, che hanno deliberato, nei primi nove mesi del 2015, garanzie per circa 150 milioni di euro a favore degli artigiani. 
 

Print Friendly, PDF & Email