Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo. Edilizia ed energia, si studia possibile nuovo modello di regolamento energetico comunale

Teramo. Edilizia ed energia, si studia possibile nuovo modello di regolamento energetico comunale

La casa che verra’ e’ gia’ una realta’: possibile, realizzabile. Il Patto dei Sindaci della Provincia di Teramo (che insieme alle altre Province abruzzesi e alla Regione ha aderito al mese europeo dell Energia) sta studiando insieme a tutte le amministrazioni locali un modello di regolamento energetico comunale che serva a incentivare la realizzazione di edifici che non consumano e possono produrre energia. Abbattendo i costi per chi ci vive e anche le emissioni di C02 in atmosfera. Progettare, costruire, ristrutturare riducendo i consumi questo il tema della prima sessione della manifestazione Il Patto che illumina l Abruzzo che si sta svolgendo oggi Teramo e che, accanto ai workshop tematici propone le esposizioni di aziende che a vario titolo si occupano di tecnologie rinnovabili. A spiegare la casa ecologica, catalogata in classe Gold, dal Solar Decathlon Europe, e’ Chiara Tonelli, volto televisivo di Sky, autrice di programmi e format che coniugano architettura, innovazione e comunicazione e fra questi, appunto, la casa che verra’ . La Tonelli, ricercatore universitario in Tecnologia dell Architettura all Universita’ degli studi di Roma Tre, ha raccontato la storia del suo team e del progetto Med in Italy, un prototipo che oggi che viene esposto e mostrato in tutto il mondo. Una casa italiana che fa tesoro della specificita’ del nostro vivere mediterraneo, delle nostre abitudini quotidiane ma che coniuga a questi aspetti una precisa ricerca architettonica e tecnologica che punta alla riduzione drastica dei consumi ha affermato. Un made in italy orgoglioso che ritroviamo anche nel progetto tutto teramano presentato dalla Helios Green Building da Ernesto Di Giovanni. Anticipando quanto previsto dalla legislazione Europea che lo rendera’ obbligatorio per le nuove costruzioni dal 2020, noi abbiamo gia’ realizzato un condominio in classe A+ a Tortoreto e abbiamo progettato un intero villaggio sostenibile: che non solo non consuma ma produce energia facendo guadagnare i condomini ha spiegato. Oggi, Teramo, e’ la provincia abruzzese dove si produce la maggiore quantita’ di energia da rinnovabile: il 35% del totale con 230 MK su 650 ha sottolineato l assessore all Ambiente e all Energia, Francesco Marconi – La Provincia, che insieme alle tre Ats costituite dai Comuni, si prepara a bandire tre gare europee per la sostituzione di tutti i punti luce pubblica con una sistema di rete intelligente sulla quale far viaggiare, oltre alla luce, anche i servizi, ha chiamato a raccolta esperti e tecnici per riflettere sulle future azioni da intraprendere . Nella seconda sessione, questo pomeriggio, si parla di reti e citta’ intelligenti con uno dei piu’ autorevole esperti italiani, Michele Vianello, ideatore e direttore fino al luglio scorso di Vega, il Parco scientifico e tecnologico di Venezia. Come vicesindaco della citta’ di Venezia, tra il 2005 e il 2009, ha promosso una massiccia opera di infrastrutturazione in banda larga e Wi-Fi del territorio comunale, avviando progetti di cittadinanza digitale e servizi digitali per i turisti. E’ animatore di gruppi di discussione web dedicati all’Ict e alla sostenibilita’ ambientale, svolge attivita’ di formazione per enti e associazioni. Anche lui e’ affiancato da un abruzzese, il teramano Marco Santarelli, un esperto di reti e comunita’ intelligenti, che partecipa a numerosi progetti (Universita’ di Chieti, Cnr) su Ict e Tlc.

Teramo. Reti elettriche nelle città del futuro, le proposte di Enel

Le reti elettriche hanno un ruolo centrale per raggiungere gli obiettivi di sostenibilita‘ e riduzione delle emissioni di CO2, e la loro evoluzione rappresenta un tassello fondamentale per le “smart city“, le citta’ intelligenti del futuro. E’ quanto sottolineato da Alfonso Sturchio, responsabile Enel Distribuzione Lazio, Abruzzo e Molise, nell’ambito di “ll Patto in Piazza”, giornata di confronto e dibattito organizzata dalla Provincia di Teramo dedicata agli obiettivi previsti dal Patto dei Sindaci. “La sfida e’ rendere le reti elettriche sempre piu’ efficienti e ‘intelligenti’ – ha spiegato Sturchio – Le reti smart sono in grado di distribuire non solo l’energia prodotta dalle grandi centrali ma anche quella degli impianti privati, sempre piu’ diffusi su tutto il territorio e alimentati da fonti rinnovabili, garantendo l’equilibrio del sistema”. Solo nel 2012, Enel ha connesso alla rete elettrica abruzzese 4.225 nuovi impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, per una potenza di oltre 174 megaWatt. Un dato che testimonia la crescita delle rinnovabili sul territorio regionale e che rende evidente l’evoluzione dello scenario energetico. “Il cambiamento e’ iniziato oltre 10 anni fa, quando Enel ha introdotto il contatore elettronico nelle case degli italiani – ha evidenziato ancora Sturchio – e prosegue oggi con la sperimentazione di sistemi che permettono di dialogare con il cliente e informarlo in tempo reale sui suoi consumi, con l’installazione di stazioni di ricarica per le auto elettriche, con i sistemi di controllo ed accumulo dei flussi di energia che danno maggiore stabilita’ ed efficienza alla rete”.

 

Print Friendly, PDF & Email