Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo, chiudono i negozi storici, arrivano i megastore

Teramo, chiudono i negozi storici, arrivano i megastore

Un altro negozio storico di corso San Giorgio è destinato a cedere il passo. Dopo Mazzitti, la via principale dello struscio cittadino sta per dire addio a Del Poeta, il negozio di abbigliamento che dai primi anni ’50 ha arricchito Teramo con l’eleganza e la cura del proprio prodotto merceologico. L’indimenticato Giustino Del Poeta, tra i pionieri del commercio cittadino, venuto a mancare in un terribile incidente stradale alle porte della città negli anni ’70, aveva avviato un florido esercizio commerciale che dominava Corso San Giorgio e che era diventato il punto di riferimento del boom economico e dello shopping di classe. Un’attività proseguita per oltre 40 anni dalla moglie Antonietta Calcagni – scomparsa di recente all’età di 79 anni – e oggi affidata al figlio Nicola. I tempi cambiano, l’economia fa capricci e la crisi rischia di far affondare le imprese. In tutto questo, anche le strategie commerciali possono subire radicali traformazioni e Del Poeta va incontro a queste. E’ questione di settimane, poi anche questo marchio scomparirà per far posto a una grossa firma nazionale il cui logo campeggerà sulle tre vetrine al numero 71 del corso principale: Geox, il marchio trevigiano delle calzature.

Il centro ai supermercati. L’arrivo di Geox non sarà la sola novità che interessa il mondo del commercio in centro storico, da più parti – anche dagli stessi commercianti – definito ‘morto’ per via dei varchi ma che invece a quanto pare diventa sempre più appetibile. Per rimanere nel settore dell’abbigliamento, è prossimo anche il trasferimento del negozio sotto l’insegna Henry Cottons da via Costantini al Corso San Giorgio per lasciare i locali all’angolo con via Capuani a un supermercato ortofrutticolo. E’ infatti molto in là la trattativa della proprietà del negozio con la Specialfrutta di Panichi. Sarebbe infatti molto probabile l’apertura di un altro punto vendita dell’azienda teramana stavolta in centro storico, dopo quello a Porta Madonna. Entro l’estate l’operazione che vedrà nascere Specialfrutta 2 potrebbe essere conclusa. A poche centinaia di metri di distanza, trova finalmente un utilizzo la ex sede della Banca dell’Adriatico, già della Banca Popolare. Al pianterreno della grossa struttura, dopo lunghe trattative tra la proprietà rappresentata da un Fondo e diverse realtà imprenditoriali, la soluzione è stata trovata: dopo l’estate aprirà il supermercato Tigre, che porterà così a otto i suoi punti vendita cittadini dopo quelli di via Carducci, piazza Aldo Moro, via Malaspina, via Vincenzo Irelli, via Romualdi e Porta Madonna, viale Crispi.
DA Emmelle

Print Friendly, PDF & Email