Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo: Ance acquista 300mila€ BTP

Teramo: Ance acquista 300mila€ BTP

 

«Tutti gli imprenditori abruzzesi, a cominciare dagli oltre 4 mila iscritti all’Ance, dovrebbero acquistare i Bot italiani: devono parte del loro benessere a questo Paese ed è giusto che lo sostengano in un momento di grave crisi di fiducia.

Il nostro gesto e’ un segnale simbolico di speranza, e mi auguro che presto possa essere imitato anche dalle altre associazioni provinciali del nostro Sistema». E’ il commento del presidente dell’Ance Teramo Armando Di Eleuterio, alla decisione del consiglio direttivo dell’associazione, di acquistare 300mila euro in Btp. La decisione è maturata all’unanimità nella seduta del 15 novembre. L’Ance Teramo è la prima associazione di categoria italiana che acquista Bot italiani dopo che lo spread, che misura il differenziale di rendimento rispetto agli omologhi tedeschi, ha superato i 500 punti ed il tasso del 7%. Il consiglio direttivo dell’Ance, inoltre, ha deliberato di chiedere di attivare una analoga iniziativa ai consigli di amministrazione di Cassa e Scuola Edile, che si pronunceranno sulla questione nei prossimi giorni, al rinnovo delle rispettive convenzioni con gli istituti di credito. Nei giorni scorsi molti esponenti politici e cittadini comuni si erano pronunciati a livello nazionale per chiedere agli Italiani di investire sui titoli di Stato. L’idea che ha animato l’intento degli imprenditori abruzzesi è quella di riappropriarsi del debito pubblico, sottraendolo alla spada di Damocle dei mercati e Bce.

«Acquistando i titoli di Stato si contribuisce ad esorcizzare lo spettro dello spread che ci espone a un costante ricatto speculativo. Investiamo i nostri risparmi nella tenuta del Paese, sarà un buon affare per tutti – afferma Di Eleuterio – L’Italia ha bisogno di fiducia, prosegue il numero uno dell’Ance Teramo. Nel 150 anniversario dell’Unita’ tutti dobbiamo fare uno sforzo per salvare il nostro Paese, che ha forza, competenza ed intelligenza per tornare a crescere».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi