Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo. Allevatore evade 500 mila euro vendendo cani maltese

Teramo. Allevatore evade 500 mila euro vendendo cani maltese

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Teramo hanno scoperto un evasore totale operante nel settore dell’allevamento dei cani di razza maltese. L’indagine – spiega una nota delle Fiamme Gialle – e’ scaturita grazie alle numerose segnalazioni al numero di pubblica utilita’ 117, da parte di onesti cittadini, con alto senso civico, consapevoli che chi evade danneggia oltre che l’erario tutti coloro ai quali sono stati chiesti notevoli sacrifici per poter superare questo periodo di particolare e sfavorevole congiuntura economica e che contribuiscono al pagamento delle imposte per il conseguimento di una maggiore giustizia fiscale. I Finanzieri di Nereto hanno, cosi’, iniziato una certosina attivita’ di riscontro interrogando vari archivi di settore ed assumendo informazioni direttamente dagli acquirenti dei cuccioli. L’attivita’ investigativa ha portato alla individuazione di un soggetto privato che aveva messo su un allevamento canino di razza maltese ignorando completamente le piu’ elementari regole di natura amministrativa e tributaria, risultando in tal modo un abusivo ed evasore totale. Il “privato allevatore” vendeva i cuccioli ad un prezzo notevolmente alto, variabile da 1000 a 1500 euro, incassando notevoli somme di denaro tanto da accumulare nel tempo ricavi per oltre 500.000 euro, compresa IVA per 100.000 euro. Il Comando Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza sottolinea l’importanza della partecipazione dei cittadini alla lotta all’illegalita’ e conferma il crescente numero di segnalazioni al servizio 117, sempre piu’ qualificate, che consentono, attraverso un’attivita’ di riscontro ed investigativa, utilizzando anche la moderna tecnologia, di individuare con maggiore incisivita’ i furbetti che evadendo il fisco danneggiano la collettivita’. Intanto si e’ appreso che il presunto evasore e’ una donna. Su di lei si concentrano le indagini che, per ora, non hanno portato a formalizzare alcuna denuncia. L’allevatrice che operava in un comune dell’hinterland della Val Vibrata aveva messo in piedi, dal 2006 in particolare, una fiorente attivita’ di vendita durante la quale si sarebbe concretizzata la massiccia evasione fiscale.

Print Friendly, PDF & Email