Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoTeramo: accordo provincia-rfi per passaggio ferroviario Bellante

Teramo: accordo provincia-rfi per passaggio ferroviario Bellante

Un accordo con le Ferrovie per rinviare la chiusura del passaggio a livello di Bellante (Teramo) almeno fino alla fine del 2012, tempo entro il quale la Provincia di Teramo si impegna a progettare e reperire le risorse necessarie alla realizzazione di un sottopasso idoneo al transito veicolare locale. E’ l’esito del tavolo tecnico convocato oggi dall’assessorato provinciale ai lavori pubblici con i dirigenti delle Ferrovie e gli amministratori locali. Nello specifico, lo studio di fattibilita’, che dovra’ essere approntato in tempi brevi, dovra’ prevedere la realizzazione di un sottovia carrabile in corrispondenza dell’attuale passaggio a livello per il transito del traffico veicolare locale leggero, in modo da scongiurare l’isolamento del quartiere di Molino San Nicola. Presenti al tavolo, l’assessore provinciale Elicio Romandini, per RFI (Rete Ferroviaria Italiana) Spa gli ingegneri Stefano Morellina, responsabile del compartimento di Ancona, e Mario Esposito, responsabile manutenzione area Adriatica Pescara-Ancona, il sindaco del Comune di Bellante, Mario Di Pietro, l’assessore comunale ai lavori pubblici, i consiglieri comunali Flaviana Pavan e Raffale Antonietti, il consigliere provinciale Renzo Di Sabatino e il responsabile tecnico della Provincia, Danilo Crescia. L’accordo, che sara’ formalizzato in un verbale, prevede che Provincia e Comune sostengano nel frattempo i costi di gestione e manutenzione del passaggio a livello, stimati in circa 7mila euro annui. Le Ferrovie hanno evidenziato la loro disponibilita’ a differire la eliminazione del passaggio, “che tuttavia – ha ribadito Morellina – e’ inderogabile per ragioni di sicurezza”, e di venire incontro alle richieste della Provincia, questo anche alla luce del debito pregresso stimato in circa 300mila euro e derivante dall’applicazione della Convenzione stipulata nel 2002. L’articolo 17 della Convenzione prevedeva, infatti, che, qualora non si fosse potuto procedere alla soppressione del passaggio a livello, la Provincia era tenuta al rimborso di tutte le spese sostenute dalle Ferrovie, inclusi i canoni annui. Nel frattempo, la Provincia si adoperera’ anche per apportare delle modifiche all’attuale sottopasso, rialzando il piano viabile, in modo da evitare il problema degli allagamenti.

Print Friendly, PDF & Email