Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaSulmona. Terremoto: sindaci chiedono interventi per la Valle Peligna

Sulmona. Terremoto: sindaci chiedono interventi per la Valle Peligna

Un documento condiviso a firma di tutti i sindaci della Valle Peligna da inviare a Ministeri, Regione, Prefettura per chiedere interventi urgenti per il territorio e chiarezza, soprattutto in seguito alle dichiarazioni della Commissione Grandi Rischi riguardante il rischio sismico. È quanto emerso dalla riunione tenuta ieri in Comune a Sulmona, voluta dal sindaco, Annamaria Casini, con i primi cittadini e amministratori del territorio. Il documento condiviso conterrà richieste precise in merito alla sicurezza, al sostegno economico e alla chiarezza sulle responsabilità, all’indomani delle comunicazioni diramate dalla Commissione grandi rischi, sulla base della quale la Protezione Civile ha sollecitato i Comuni a porre in essere tutte le azioni strutturali e non, previste dalla legge 225 del 1992. “E’ evidente che sia rimasto in mano a noi sindaci il classico cerino acceso – dice il sindaco Casini – Quella di ieri è stata una prima riunione intesa come momento di riflessione tra sindaci preoccupati, ma determinati nel pretendere interventi urgenti da parte dello Stato sia per la prevenzione sismica sia per la sicurezza, facendo chiarezza dato che siamo chiamati ad assumere decisioni significative che incidono sul tessuto sociale, economico, senza avere supporti legislativo-finanziari adeguati. Non vogliamo sottrarci alle nostre responsabilità come sindaci, ma chi di dovere deve essere in grado di supportarci e sostenerci economicamente. Qualora le richieste venissero disattese siamo pronti ad azioni forti”. “L’economia e il turismo nel nostro territorio stanno risentendo fortemente della situazione, dato che sono numerose le disdette di soggiorni, secondo i primi dati forniti dalle strutture ricettive del territorio. Vogliamo intensificare la costruzione di una rete tra Comuni in merito all’attività di prevenzione, sulla base della convinzione che le emergenze si gestiscano unendo le forze” conclude Casini.

Print Friendly, PDF & Email