Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaSulmona, fusione comuni: “dare ora soluzioni e progetti al CentroAbruzzo”

Sulmona, fusione comuni: “dare ora soluzioni e progetti al CentroAbruzzo”

A una settimana dal convegno “Ripensiamo il Territorio” vogliamo fornire dei dati e sottolineare alcune risultanze da non trascurare.
La sala gremita ha chiaramente espresso l’interesse dei cittadini, così pure le decine di iscrizioni al movimento avvenute durante l’evento, in sala. 
Nei contenuti Il Convegno, così ha titolato la stampa in generale, ha giustamente sottolineato la “benedizione” del Ministro, con i suoi illustri relatori, al concetto innovativo di Fusione dei Comuni,  non della sola e semplice Unione. Il Ministro Barca ha spiegato – confortato da illustri relatori universitari e dallo stesso Prof. Calafati, Presidente della Commissione Ministeriale “coesione territoriale” – che tutta l’Europa si muove già da decine di anni in tal senso, e pertanto noi siamo molto indietro. Ciò rende i tempi molto stringenti e non c’é spazio per tentennamenti. Tutti abbiamo il dovere e la responsabilità di dare soluzioni, e un PROGETTO al Centroabruzzo, soprattutto gli amministratori locali e i politici. Sulla stessa lunghezza d’onda si è trovato anche il Presidente del Consiglio Regionale Pagano, e speriamo che tutti, oltre l’assessore Regionale Masci che pare si esprima favorevolmente, si sentano coinvolti e diano un’adeguata risposta data la grave ed oggettiva situazione economica. Perciò noi rinnoviamo l’appello generale affinché si passi dal dire al fare, quindi al Progetto e all’Azione. Si potrebbe, per cominciare, affrontare da subito gradualmente delle sperimentazioni, delle microfusioni, definendo dei modelli da esportare ed estendere. A questo sarebbero da chiamare coralmente a collaborare, oltre a tutti gli attori del convegno, come  Confindustria, Ance, Banche, Enti, Associazioni, la Scuola, I Giovani, la parte Scientifica ed Accademica, sicuramente e, soprattutto, con coraggio, gli Amministratori Locali. Tutti dobbiamo agire per la salvezza del nostro territorio riequilibrando il fenomeno che vede la costa crescere a discapito del Centroabruzzo. La  Fusione oltre dare gli stessi vantaggi delle Unioni, ha un plus valore, quello di spingere alla definizione di un progetto comune trainante ad opera dei 60 comuni del Centroabruzzo. Solo così invertiremo la rotta, innovando con coraggio e rispondendo alla competizione già in atto sul territorio e di fronte alla quale rischiamo di presentarci  deboli e dispersi.
Dobbiamo con intelligenza innovativa saperci dotare di un sogno realistico, di un futuro comune che unisca le popolazioni: questa é la sfida!  E non  dimentichiamo pertanto le parole del Ministro Barca in conclusione del Convegno, sugellate dall’applauso finale:” ORA,ORA, É IL MOMENTO !”
II videoclip relativo é su u-tube a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=u1DUv5Q4EKE 
l’assocazione Ripensiamo il Territorio

Print Friendly, PDF & Email