Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraScafa. Vertenza Italcementi, documento congiunto per dire no alla chiusura

Scafa. Vertenza Italcementi, documento congiunto per dire no alla chiusura

Un documento per dire “no” alla chiusura della Italcementi di Scafa e per chiedere l’intervento del Governo centrale in questa vertenza, e’ stato messo a punto stamani nel corso di un incontro convocato dal presidente della Provincia Guerino Testa e al quale hanno preso parte il vice presidente della Regione Abruzzo, Alfredo Castiglione, i rappresentanti di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, Massimo Di Giovanni, Lucio Girinelli e Giovanni Panza, il sindaco di Scafa Maurizio Giancola, l’assessore comunale Valter De Luca, il dirigente competente della Regione Abruzzo. Era presente anche il presidente della commissione Lavoro della Provincia Sergio Fioriti. Il documento sara’ al centro dell’incontro che il ministro Gaetano Quagliariello e il sottosegretario Giovanni Legnini hanno convocato per dopodomani a Roma (ore 9.30) proprio in merito alla Italcementi, come richiesto dalle istituzioni e dai rappresentanti dei lavoratori. L’obiettivo comune di Regione, Provincia, sindacati e amministrazione civica e’ di “scongiurare l’ingiusta, immotivata, pretestuosa e mortificante chiusura di un cementificio che ha le professionalita’, la capacita’ produttiva e di mercato di produrre e vendere cemento, nonostante l’attuale congiuntura negativa” – si legge nel documento. La decisione dell’azienda di smantellare l’attivita’ produttiva a Scafa viene definita “grave, sbagliata e non rispettosa degli accordi sottoscritti a livello ministeriale” il 14 gennaio scorso che non parlano affatto della chiusura del cementificio della Val Pescara – che ha piu’ di cento anni di storia e da’ lavoro a circa 130 persone, direttamente e indirettamente. Nell’accordo era prevista invece la ristrutturazione dello stabilimento pescarese con un intervento di Cassa integrazione guadagni straordinaria (proprio con la causale della ristrutturazione) per un numero massimo di lavoratori di 32 unita’. Ora, invece, a causa della crisi del settore, la Italcementi intende sostituire la produzione del cemento di cui si occupa in Abruzzo con un deposito, cioe’ un punto vendita, da ubicare tra i territori di Pescara e Chieti. Il prossimo passo dell’azienda sara’ quindi la richiesta al ministero competente della rivisitazione dell’accordo del 14 gennaio per mutare la causale della cassa integrazione, passando da Cigs per ristrutturazione a Cigs per cessazione dell’attivita’. I sottoscrittori del documento annunciano di “non poter aderire a tale cinico piano” e pensano invece che ci sia ancora possibilita’ per la fabbrica di “avere mercato e produrre cemento”, per cui chiedono “un intervento forte e deciso da parte delle istituzioni preposte, sia nei confronti della proprieta’ Italcementi spa, sia nei confronti del ministero competente che, presumibilmente, sara’ chiamato ad esprimersi sul cambio causale della Cigs”. Testa , dal canto suo, ha commentato che si vuole “creare una lobby positiva, per fare in modo che la Italcementi si attenga agli impegni sottoscritti appena qualche mese fa e resti nel nostro territorio. Le condizioni per continuare a produrre possono esserci, considerato che a L’Aquila e nei comuni del cratere vanno eseguiti interventi significativi e poi bisogna tenere conto delle previsioni dei Fas, e quindi delle potenzialita’ di rilancio del settore che sicuramente ci sono, in questa regione”.

Print Friendly, PDF & Email