Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoRoseto, riperimentrazione Borsacchio: “responsabilità di tutti”

Roseto, riperimentrazione Borsacchio: “responsabilità di tutti”

La riperimetrazione dei confini della Riserva Naturale regionale guidata del Borsacchio è stata approvata dal Consiglio regionale d’Abruzzo con una maggioranza «trasversale e concorrente, formata da centrodestra e Pd, con 30 consiglieri votanti, di cui 29 favorevoli e uno contrario»: a riepilogare la vicenda è Pio Rapagnà, portavoce del Comitato Città per Vivere, che ad aprile aveva osservato alcuni giorni di sciopero della fame per protestare contro un testo di legge che minaccerebbe la sopravvivenza di aree protette nei Comuni di Roseto degli Abruzzi e Giulianova (Teramo). «La responsabilità di quanto accaduto – scrive Rapagnà in una nota – non è solo del Consiglio regionale attuale, che da tre anni discute indefessamente di come modificare o cancellare la Riserva del Borsacchio: ancora più grave la responsabilità, amministrativa e penale, delle Amministrazioni Comunali di Roseto e Giulianova, della Provincia di Teramo e della stessa Giunta regionale per non avere provveduto, in sei anni, alla sistemazione dei cartelli segnaletici perimetrali e di quelli lungo le strade di accesso alla Riserva, all’elaborazione di un progetto pilota di gestione per l’occupazione di disoccupati e inoccupati, all’istituzione dell’Organo di gestione e all’adozione del Piano di Assetto Naturalistico». Rapagnà lamenta anche che la questione sia stata affrontata «senza passare per una Conferenza dei Servizi e scavalcando arbitrariamente procedure e vincoli stabiliti dalle normative vigenti».

Print Friendly, PDF & Email