Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeQualità e gestione ambientale nelle piccole e medie imprese

Qualità e gestione ambientale nelle piccole e medie imprese

La Giunta Regionale, nella seduta del 30 giugno 1999 ha approvato, dopo una lunga e faticosa gestazione, il DDLR sulle “norme in materia di qualità e gestione ambientale delle PMI”.

Il documento, proposto dalla nostra Federazione all’Assessorato all’Industria, è ora all’esame delle Commissioni consiliari competenti per la definitiva approvazione da parte del Consiglio Regionale.

Il testo elaborato, è incentrato sulla finalità di far emergere la domanda di servizi reali per migliorare la capacità delle PMI di competere in un contesto globale dei mercati e colmare quel “gap” che separa il tessuto economico abruzzese dalle realtà nazionali ed internazionali più evolute.

La Regione Abruzzo si è posta come obiettivo principale il rafforzamento dell’apparato produttivo in un sistema economico non più assistenziale, ma basato sulle regole imposte dal mercato.

In questo contesto è essenziale per le imprese utilizzare sempre più strumenti innovativi di gestione che permettano di recuperare la competitività, di difenderla e/o rafforzarla sui mercati nazionali ed internazionali.

Alla Nostra proposta, approvata dalla Giunta Regionale, sono state apportate solo delle modifiche di carattere formale, ma la struttura e le finalità originarie sono rimaste intatte.

Le tre linee di intervento, previste dal presente disegno di legge, sono finalizzate a:

1- incentivare la realizzazione di interventi preliminari per l’attivazione di analisi aziendali intese a formulare proposte di intervento operativo sulla Qualità e la Gestione Ambientale; il contributo, in conto capitale, è pari al 70% della spesa massima ammissibile, fissata in 3 milioni;

2- incentivare la realizzazione di sistemi di qualità aziendali, di sistemi di gestione integrati (qualità, ambiente e sicurezza) e incrementare la partecipazione delle imprese al programma EMAS (regolamento CE 1836/93); il contributo, in conto capitale, è pari al 50% della spesa massima ammissibile, fissata in 50 milioni;

3- incentivare la marcatura CE dei prodotti delle PMI abruzzesi per uniformarli alle direttive comunitarie,

Il contributo, in conto capitale, è pari al 50% della spesa massima ammissibile, fissata in 15 milioni;

L’organismo di gestione è stato individuato nella F.I.R.A S.p.a. alla quale è anche riservata una quota del 3% delle risorse finanziarie, messe a disposizione dalla Regione, per la copertura delle spese di gestione e attuazione delle presente legge.

La F.I.R.A. S.p.a. verrà coordinata dal Settore Industria ed Energia e si farà carico dell’attuazione degli interventi.

Nel dettaglio, le modifiche apportate alla nostra proposta riguardano:

1- la cancellazione della norma retroattiva riguardante la possibilità di ottenere da parte delle imprese, contributi per interventi sulla qualità precedentemente realizzati e finiti rispetto alla data di presentazione della domanda di richiesta di contributo;

2- l’eliminazione delle norme che prevedevano la possibilità di ottenere contributi per il mantenimento della qualità e non solo per la certificazione iniziale. Tali norme, dettate dalla scarsa disponibilità del bilancio, potranno essere reinserite con successivo DDLR di integrazione se aumenteranno le disponibilità finanziarie, come ha proposto l’assessore Verticelli;

3- l’entità dei contributi previsti sono stati, rispetto alla nostra proposta, ridotti: per il 1999 è previsto un fondo finanziario di solo 110 milioni.

Speriamo di potervi presto comunicare l’approvazione definitiva del DDLR da parte del Consiglio Regionale.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi