Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara sud, allagamenti: affidati lavori per oltre 1mln

Pescara sud, allagamenti: affidati lavori per oltre 1mln

“Ottobre 2012-ottobre 2013: 365 giorni, tanti quanti la nostra amministrazione comunale ne impiegherà per risolvere, definitivamente, il dramma degli allagamenti sull’intera Pescara sud, in strade come viale Pepe, via Marconi, viale Pindaro, via Pollione, via Elettra, via della Bonifica, viale Primo Vere e Fosso Vallelunga, strade note purtroppo per il fenomeno dell’acqua alta che da almeno dieci anni si verifica a Porta Nuova.

Un fenomeno causato da una rete di sottoservizi e di condotte ormai vecchie, inadeguate, spesso realizzate anche in contropendenza, una rete incapace, sostanzialmente, di sostenere un acquazzone violento o particolarmente intenso, rigettando, letteralmente, in superficie l’acqua caduta. Oggi abbiamo completato le procedure della gara d’appalto e affidiamo ufficialmente il cantiere alla ditta vincitrice, la Caldani Irrigazione di Roma, per una somma pari a 1milione 163mila 095,48 euro, ditta che aprirà il cantiere il prossimo ottobre”.
Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia nel corso della conferenza stampa odierna convocata per ufficializzare il cantiere. Presenti anche l’assessore ai Lavori pubblici Isabella Del Trecco e il consigliere regionale Lorenzo Sospiri.“Parliamo di un antiere ‘storico’ e di grande rilevanza strategica perché sostanzialmente andremo a risolvere un problema di proporzioni immani – ha detto il sindaco Albore Mascia -, ovvero l’allagamento di mezza città, la fetta di Porta Nuova-zona stadio alle prime gocce di pioggia più intensa del normale. Pensiamo a via Marconi, nel tratto compreso tra via Tommaso da Celano e la rotonda antistante il distributore dell’Agip che si trasforma in un lago, con l’acqua che penetra in via Elettra, ma anche nei piazzali, nei cortili, nei condomini, nei negozi, con danni economici incalcolabili per la città e per i privati, un lago tra l’altro alimentato anche dall’acqua che proveniva da viale della Pineta e scorreva con la velocità di un fiume lungo il marciapiede di via Marconi, lato mare, e le stesse situazioni si sono sempre puntualmente verificate in tutta la zona circostante l’università e la stessa riviera sud, oltre che nelle aree interne della pineta.
E’ evidente che tale problematica è stata sempre tra le nostre priorità, ma per sistemare la situazione non con misure tampone, precarie e provvisorie, ma in modo definitivo, occorrevano fondi, disponibilità economiche che purtroppo nel 2009 non abbiamo trovato in cassa, così come occorreva redigere un progetto che non abbiamo rintracciato nei cassetti, anzi, tra il 2003 e il 2009 è stata pure bloccata la pulizia dei Fossi Bardet iniziata nel 2000. Ma questa è la brutta pagina politica del passato. Oggi ne vogliamo aprire una nuova che ci consentirà un giro di vite totale. Per cancellare i vecchi ricordi occorre costruire nuovi collettori, 4 nuove condotte grandi, funzionali, capaci di accogliere grandi quantità di acqua piovana, che attraversino tutte le strade menzionate intercettando le linee delle traverse adiacenti, e tutti i collettori devono essere dotati di impianti di sollevamento e di generatori di emergenza, che garantiscano il funzionamento delle pompe anche nei casi di black out, che sono possibili durante gli acquazzoni.
I collettori, sostanzialmente, andranno a raccogliere e smaltire le acque piovane che oggi sono convogliate attraverso le caditoie stradali nella rete fognaria della città, e in questo modo andremo, da un lato, ad alleggerire la rete fognaria dagli afflussi di pioggia, consentendo alla rete stessa di svolgere meglio la propria funzione; dall’altro lato anche il depuratore di Pescara ne trarrà beneficio perché andremo a ridurre le portate che vi affluiscono e le cui eccedenze vanno smaltite con gli ‘scolmatori’ di piena, posti lungo il tracciato dei collettori, a ridosso degli impianti di sollevamento”. A descrivere il progetto tecnicamente è stata l’assessore Del Trecco: “Il progetto preliminare è stato redatto nel novembre 2011 e prevede la costruzione di quattro collettori idonei a recapitare al Fosso Vallelunga le acque piovane delle strade e dei marciapiedi di viale Marconi, a partire dall’altezza di via Tommaso da Celano e sino a viale della Pineta; viale Pepe, carreggiata nord, a partire dall’altezza di via Benedetto Croce e sino a via Marconi; di viale Pindaro, a partire dall’attraversamento del canale Bardet 1 e sino alla rotatoria adiacente il distributore Agip, di via Primo Vere, dall’altezza di piazza Le Laudi sino al torrente Fosso Vallelunga, comprendendo anche via Braga e il tratto di via De Cecco compreso tra via Braga e il torrente Vallelunga.
Attualmente una parte della zona che gravita su viale Marconi, viale Pindaro e via Pepe, scarica le acque reflue urbane nel canale Bardet 1 che defluisce verso il fiume Pescara e vi sbocca dopo aver attraversato la banchina portuale, all’altezza degli ex depositi di Di Properzio. Le cosiddette ‘acqua di magra del canale’ vengono intercettate sulla banchina e trasferite, con un sollevamento, al depuratore di Pescara, e ora tale sollevamento sta per essere a sua volta potenziato dall’Ato con il progetto del DK 15 in corso di svolgimento. Il canale Bardet 1, invece è già stato sottoposto a interventi di pulizia agli inizi del 2000, dal nuovo Tribunale sino all’incrocio di via Pepe con via D’Avalos; trascorsi dieci anni, ovviamente, la situazione è tornata nuovamente critica, favorendo la formazione di depositi melmosi che abbiamo individuato attraverso alcuni carotaggi e che dipendono dalla bassa pendenza del canale, dall’esistenza di probabili tratti in contropendenza, ma anche da ostacoli costituiti da alcuni attraversamenti di tubazioni di acqua potabile, gas e altri sottoservizi addirittura costruiti negli anni ’60 e per superare tali imprevisti abbiamo anche accantonato un fondo di 40mila euro per fronteggiare la necessità eventuale, durante la fase di cantiere, di realizzare deviazioni o bypass. E dunque nel progetto abbiamo deciso di riprendere anche la pulizia dei tratti più intasati, pulizia che peraltro verrà eseguita proprio dall’Ato sempre nell’ambito del progetto DK 15. E la pulizia del canale, ancora, sarà eseguita anche in via Pepe, via Pollione verso il nuovo Tribunale. Veniamo ai nuovi collettori: il primo Collettore – ha illustrato l’assessore Del Trecco – verrà realizzato in via Marconi, da via Tommaso da Celano, attraversando il canale Bardet, e confluendo nell’impiantino di sollevamento realizzato di recente dall’Ato all’incrocio tra via Marconi e via Pepe, dove confluiranno anche le acque di via Pepe, carreggiata nord, nel tratto compreso tra via Marconi e via Benedetto Croce, e su tale impianto andremo a installare un gruppo elettrogeno a inserimento automatico, per garantire la sua operatività in caso di black out. Un secondo Collettore sarà posto in via Marconi, in direzione sud, partirà a ridosso del Bardet 1 e intercetterà tutta la strada fino all’impianto di sollevamento che costruiremo sotto la rotatoria antistante l’Agip, impianto dove faremo confluire anche le acque piovane di via della Pineta, nel tratto compreso tra via Marconi e via Marchetti.
Il terzo Collettore sarà costruito a servizio di viale Pindaro, a partire dall’attraversamento del canale Bardet 1 sino all’impianto di sollevamento della rotatoria, immettendovi anche l’eventuale troppo pieno del canale con una feritoia da ricavare sotto le lastre di copertura e anche in questo caso inseriremo un gruppo elettrogeno autonomo. L’impianto di sollevamento, dotato di 3 pompe sommerse, invierà le acque al collettore di grandi dimensioni costruito di recente dall’Ato, in corso di collaudo, in via della Bonifica che a sua volta invierà le acque all’impianto di ‘prima pioggia’, una vasca di raccolta, o direttamente al Fosso Vallelunga. Il quarto Collettore sarà realizzato a servizio delle aree depresse del quartiere della pineta dannunziana in viale Primo Vere, condotta che proseguirà in via Braga e in via De Cecco per immettersi nel Torrente Vallelunga. Ovviamente verranno realizzati nuovi pozzetti e caditoie prefabbricati, che dunque non richiederanno getti di calcestruzzo, e le vecchie caditoie verranno scollegate dalle fogne esistenti e soppresse. Ovviamente il cantiere procederà inevitabilmente per lotti progressivi, perché ogni volta dovremo pensare alla realizzazione di scavi di dimensioni importanti, con interventi sulla viabilità, ma è evidente che ogni opera prevede anche il rifacimento della pavimentazione e della segnaletica”. “Le opere – ha proseguito il sindaco Albore Mascia – sono state aggiudicate all’impresa Caldani Irrigazione di Roma, su ben 177 imprese che hanno partecipato alla gara. E l’azienda si è aggiudicata l’appalto con un ribasso del 29,2360 per cento, ossia su una base d’asta di 1milione 635mila euro, la Caldani si è aggiudicata il cantiere per 1milione 163mila 095 euro, di cui 20mila euro come oneri sulla sicurezza. Le fonti di finanziamento dell’opera derivano dal Comune, che ha stanziato 1milione di euro, e dall’Aca, che ha erogato 1milione di euro e abbiamo deciso di far partire il cantiere a ottobre, dunque una volta che si saranno riaperte le scuole, e la città sarà rientrata nella sua routine, per ridurre anche al minimo i disagi”. “Ci sono due approcci per amministrare una città: fare fumo o fare fatti, e noi preferiamo la seconda metodologia – ha detto il consigliere regionale Sospiri -. Abbiamo sempre pensato che i colpevoli allagamenti di Pescara sud erano una vergogna per tutto il territorio, allagamenti che rendevano impossibile la fruibilità di zone come lo Stadio, l’Università, le scuole, il carcere, il Tribunale. Con 2 milioni di euro avremmo potuto mettere tanti fiorellini in città, sicuramente più evidenti, ma invece abbiamo deciso di impiegarli per risolvere un problema drammatico per tutto il quadrante sud di Pescara risolvendo una carenza strutturale. Gli effetti saranno immediati: anni fa anche corso Vittorio Emanuele si trasformava in un lago alla prima pioggia, poi il centro-destra ha costruito dei collettori sulla riviera nord e quel lago è scomparso. Su Pescara sud determineremo lo stesso risultato”.

Print Friendly, PDF & Email