Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara, rischio esondazione:pronto piano emergenza

Pescara, rischio esondazione:pronto piano emergenza

 

L’installazione di tabelloni luminosi agli ingressi delle due aree golenali per segnalare, in tempo reale, un eventuale rischio esondazione del fiume, il ripristino delle sirene d’allarme su tutto il territorio,

a partire da Borgo marino sud e nord per allertare la marineria e la costituzione di una task force con Provincia e Prefettura per il coordinamento di azioni di prevenzione e soccorso. Pescara è pronta ad affrontare eventuali emergenze territoriali derivanti da una possibile esondazione del fiume, fermo restando che non ci sono allarmi imminenti, né pericoli dietro l’angolo.“Il vertice non è nato perché a Pescara c’è un imminente rischio di esondazione del fiume, né altri pericoli naturali” ha precisato l’assessore alla Protezione civile Berardino Fiorilli. “Scopo del vertice è stata la verifica delle misure eventualmente già predisposte per garantire il corretto funzionamento della macchina della Protezione civile in caso di eventuali emergenze e quali possono invece essere le azioni da porre in essere per migliorare ulteriormente il servizio. La Provincia, ad esempio, ci ha comunicato di svolgere da tempo continui corsi di formazione per operatori della Protezione civile, della disponibilità dei Sorveglianti idraulici che effettuano il monitoraggio dei fiumi e anche della presenza di un numero verde della Protezione civile, al quale risponde, ventiquattro ore su ventiquattro, l’operatore di servizio alla sbarra, che ha poi il compito di smistare le chiamate a seconda delle necessità. Attualmente il rischio di un’esondazione del fiume può avere un preavviso di circa 4 ore, un tempo sufficiente per predisporre tutte le misure di emergenza del caso, come la chiusura al traffico e alla sosta delle aree golenali o gli avvisi alla marineria per la messa in sicurezza delle imbarcazioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi