Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara: project financing da 6 mln per Stella Maris

Pescara: project financing da 6 mln per Stella Maris


Il bando punta a creare un “polo regionale delle eccellenze culturali, enogastronomiche e turistiche dell’Abruzzo”.
Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il bando per la procedura di finanza di progetto (project financing) relativo all’ex colonia Stella Maris di Montesilvano

 

e per mercoledì, 23 marzo, si attende la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana (N.35). L’importo è pari a sei milioni di euro. Lo hanno annunciato il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, e l’assessore al Patrimonio Aurelio Cilli.
Il bando punta a creare un “polo regionale delle eccellenze culturali, enogastronomiche e turistiche dell’Abruzzo”. Questa é solo la prima fase della procedura di “finanza  di  progetto” che porterà a ristrutturare l’edificio a forma di aeroplano. “Si tratta cioè di una prima gara, senza aggiudicazione – evidenziano i due amministratori -, perché è finalizzata ad individuare il promotore del progetto che poi avrà un diritto di prelazione”.
La scadenza per la presentazione dei progetti preliminari è fissata alle ore 12 del 14 giugno 2011 (e la prima seduta pubblica si terrà alle ore 9 del 16 giugno 2011). Tutta la documentazione necessaria è reperibile sul sito web della Provincia (www.provincia.pescara.it), nella sezione “bandi e gare d’appalto.
L’ex colonia, che guarda direttamente al mare Adriatico, è stata realizzata alla fine degli anni ’30 (progettata dagli architetti Leoni e Liguori) e da tempo e’ abbandonata a se stessa, come altre colonie marine dell’epoca che si trovano in Italia. A decidere che tipo di destinazione dare all’edificio è stato un tavolo di lavoro promosso dalla Provincia di Pescara, proprietaria dell’immobile, con la partecipazione dei rappresentanti delle facoltà universitarie della D’Annunzio, dei comuni di Pescara e Montesilvano, della Fondazione Pescarabruzzo e della Camera di Commercio, con un’apertura totale alle idee e ai contributi esterni.
Sono arrivate otto proposte che sono state prese in considerazione e sulla base delle due maggiormente apprezzate dal tavolo si è ritenuto di fare della Stella Maris un “polo regionale delle eccellenze culturali, enogastronomiche e turistiche dell’Abruzzo”.
“Fondamentale il ruolo del privato: in questo periodo di tagli – concludono Testa e Cilli – è impossibile, per la Provincia e per qualsiasi ente pubblico, pensare di investire somme del genere e ci auguriamo che qualcuno sappia comprendere la strategicità di questa struttura e la faccia rinascere”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi