Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Porto paralizzato: i fondali del porto sono profondi 40 centimetri

Pescara. Porto paralizzato: i fondali del porto sono profondi 40 centimetri

“Il porto di Pescara si sta paralizzando e il dragaggio ‘miracoloso’ del Presidente D’Alfonso ha sortito effetti pari a zero. Se anche le piccole barche per la pesca giornaliera tre giorni fa si sono incagliate, rivelando che i fondali del porto sono pari, addirittura, a soli 40 centimetri, vuol dire che la situazione non e’ seria, ma e’ gravissima e il nostro scalo rischia di bloccarsi. Ma soprattutto ora si spiega meglio quell’ordinanza emessa dalla Capitaneria di porto, la numero 47, firmata a fine maggio, con cui si disciplinava il transito di una sola imbarcazione per volta nelle fasi di ingresso e di uscita richiamando i ‘problemi di sicurezza’. Penso che oggi tutti abbiamo il diritto di sapere se, allo stato attuale, il porto canale di Pescara sia ancora agibile o no, lo devono sapere i cittadini, gli operatori marittimi, e anche gli amministratori”. A dirlo e’ il Capogruppo di Forza Italia, alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri, a fronte dell’episodio in cui tre giorni fa si sono incagliate tre imbarcazioni all’interno del porto di Pescara. “Non parliamo di pescherecci, di tonnare o di navi mercantili, con un pescaggio importante e che quindi sono magari finite in una secca – ha sottolineato il Capogruppo Sospiri – ma parliamo di piccole imbarcazioni, quelle usate per una battuta e via, con un pescaggio irrisorio, barche che neanche nei periodi peggiori hanno avuto difficolta’, e invece oggi si sono arenate su fondali di appena 40 centimetri. Innanzitutto mi chiedo perche’ nessuno abbia sentito la necessita’ di avvisare la popolazione del reale stato dei fatti: non mi risulta che negli ultimi giorni ci siano state comunicazioni ufficiali sulla condizione dei fondali che a questo punto e’ drammaticamente peggiorata.   “Praticamente oggi e’ possibile attraversare il fiume, da una sponda all’altra, a piedi, un vero ‘ponte del fiume’ parallelo al ponte del mare del Presidente D’Alfonso. Negli anni scorsi, – prosegue Sospiri – dinanzi a una tale situazione, avremmo gia’ assistito a proteste di piazza, cortei, lettere istituzionali di richiamo da parte dell’Autorita’ marittima. Questa volta invece un incidente di tale portata stava passando sotto silenzio, come se quei fondali di 40 centimetri fossero cosa normale. Ma soprattutto oggi si spiega in tutta la sua chiarezza l’ordinanza della Capitaneria, che a fine maggio, accennando in maniera vaga e generalizzata al problema dei fondali, delle ‘continue riduzioni delle batimetrie’, imponeva una disciplina rigorosa negli orari e nelle modalita’ di uscita dal porto, una misura su cui, nonostante la richiesta ufficiale, non ho mai ricevuto alcuna spiegazione. Oggi la risposta e’ arrivata da quelle tre imbarcazioni incagliate. Credo che a questo punto sia urgente un vertice politico nel quale il Presidente D’Alfonso dovra’ spiegare in modo chiaro e specifico le condizioni di agibilita’ del porto di Pescara, dovra’ dire quali sono gli effetti prodotti da un dragaggio, peraltro ancora in corso nonostante la stagione balneare sia gia’ partita (cosa mai accaduta in precedenza), un dragaggio che, a mio avviso, non ha prodotto benefici, ma ha determinato solo una ulteriore spesa. Ma soprattutto vogliamo sapere come il Governatore intende affrontare gli attuali problemi di insabbiamento del porto nell’attesa che partano i lavori del Piano regolatore portuale, tutt’altro che imminenti. E’ bene ricordare infatti – conclude Sospiri – che solo a fine giugno, forse, si terra’ la riunione della Sezione del Consiglio superiore dei lavori pubblici, che dovra’ dire se le integrazioni alle osservazioni di dicembre scorso sono sufficienti o meno. E in caso di esito positivo, comunque mancano ancora i progetti, le erogazioni finanziarie e gli appalti. In altre parole, prima della seconda meta’ del 2016, comunque non vedremo muoversi una ruspa sul porto di Pescara, che nel frattempo sara’ completamente paralizzato nei fanghi. E a questo punto chiedo anche rassicurazioni circa la fattibilita’ dei collegamenti passeggeri con la Croazia, quelli si’ imminenti”.

Print Friendly, PDF & Email