Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara, pmi: al via progetto Adriatic Food and Tourism

Pescara, pmi: al via progetto Adriatic Food and Tourism

Presentazione a Pescara del progetto Adriatic Food and Tourism: Inovating Smes (Adria Footouring). Appuntamento per il “Kick Off Meeting” oggi presso la Sala Michetti del Best Western Hotel Plaza in Piazza Sacro Cuore, 55.
   Proposto dalla Provincia di Pescara che ne e’ capofila, il progetto vanta una partnership autorevole e dal respiro internazionale composta da undici soggetti di cui cinque Italiani: Provincia di Pescara, Comune di Rimini, Associazione Camere di Commercio del Veneto, Insight&Co srl, Centuria Romagna Innovation Agency; sei, tra enti e universita’, sono di provenienza internazionale: Albania, Bosnia Herzegovina, Slovenia e Montenegro – Regional Development Center Koper (Slovenia), Directorate of Smse (Montenegro), Chamber of Commerce & Industry Tirana e Faculty of Economics & Agribusiness – University of Tirana (Albania), Agency for Economic Development of Municipality Prijedor Preda – Pd and Lir – Local development initiative (Bosnia-Herzegovina). L’intero progetto impegnera’ risorse pari a 2.112.435,00 euro per un periodo di trentaquattro mesi fino al luglio del 2015. “Un’importante occasione di sviluppo per il settore del turismo e dell’agroalimentare – commenta Aurelio Cilli, assessore alle Attivita’ produttive e Turismo della Provincia di Pescara -. Lo scambio sinergico di esperienze e di know how con i partner coinvolti, l’analisi e la ricerca di strumenti di innovazione anche con l’ausilio delle nuove tecnologie Ict, consentira’ alle imprese del nostro territorio di far conoscere le proprie eccellenze ed al tempo stesso acquisire strategie di business competitive sul mercato”.Soddisfazione anche da parte del presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, per l’approvazione del progetto che vedra’ la Provincia di Pescara capofila di un partenariato di enti e centri di sviluppo italiani che opereranno in stretta cooperazione con i partner transnazionali, contribuendo a rendere il “Mare Nostrum” simbolo di unione.

Print Friendly, PDF & Email