Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara: non riscattati 7mila alloggi popolari

Pescara: non riscattati 7mila alloggi popolari

Per l’intero 2012 il Comune rinuncia all’acquisto di 7 mila alloggi di edilizia economica e popolare realizzati su aree di proprietà pubblica. Senza il diritto di prelazione dell’amministrazione di Albore Mascia, i tempi per il riscatto delle case popolari da parte degli inquilini assegnatari potrebbero accelerarsi.

La delibera è stata approvata oggi dalla commissione Finanze e sarà sottoposta all’esame del Consiglio comunale. L’obiettivo è quello di agevolare e velocizzare le procedure di riscatto di quegli appartamenti a favore degli attuali inquilini, sino a oggi costretti ad attendere i tempi lunghi della burocrazia tra delibere e adempimenti, che spesso fanno slittare di anno in anno le richieste di acquisizione.
“La normativa è relativa alle cosiddette aree Peep”, ha spiegato il presidente della Commissione Finanze Renato Ranieri al termine della seduta di oggi, “riguarda cioè tutti i fabbricati costruiti negli anni su aree di proprietà comunale, come gli alloggi delle Cooperative Aternum, quartiere San Donato”. La legge attuale stabilisce che, anche se il Comune concede il diritto di superficie per la realizzazione di edifici e appartamenti in edilizia convenzionata, ovvero a un prezzo ridotto e agevolato per i cittadini, e ceda il diritto di proprietà, lo stesso Comune conserva però il diritto di prelazione su quegli stessi alloggi nel caso di vendita successiva.

Print Friendly, PDF & Email