Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Le associazioni ambientaliste contrarie alla Duna sulla riviera: 1,4 milioni di euro sprecati

Pescara. Le associazioni ambientaliste contrarie alla Duna sulla riviera: 1,4 milioni di euro sprecati

In tempo di crisi e tagli indiscriminati sui beni essenziali 1 milione e 400 mila euro per distruggere Pineta e litorale di Porta Nuova Perche’? Tanto costerebbe la realizzazione di un progetto assurdo, incomprensibile sotto qualunque punto di vista, ambientale, sociale,culturale,  urbanistico, di mobilità cittadina, tenuto nascosto dagli amministratori di Pescara fino all’ultimo, ovvero alla vigilia del bando della gara d’appalto. “L’invenzione” di due colline alte 5 e 8 m, con riporto di tonnellate di terra, a separare e creare barriera visiva, fisica,morfologica, atmosferica tra pineta e mare-spiaggia, a Porta Nuova; con tanto di  tunnel sotterraneo di decine di metri con doppia corsia di marcia per sottopassarle, davanti ai cancelli e alle recinzioni delle abitazioni e delle aree teatrali e culturali tra le più importanti della città, all’interno del perimetro della Riserva Dannunziana! La domanda immediata di ogni cervello ancora in grado di ragionare è: ma perché? Per sbornia improvvisa? Per poter manovrare un milione e mezzo di euro alla vigilia delle elezioni? Le sorti della Pineta, riserva regionale a interesse provinciale, non riguardano solo Porta Nuova ma l’identità dell’intera città e non solo. Giù le mani dalla riserva Dannunziana! Si adotti immediatamente il Piano di Assetto Naturalistico che permetterebbe l’utilizzo di 200.000,00 € di fondi Fas per la riqualificazione! Questo scrivono Italia Nostra, Marevivo, Mila Donnambiente, Ecoistituto Abruzzo.

Print Friendly, PDF & Email