Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara, lavoro: presto sciopero per polo chimico Bussi

Pescara, lavoro: presto sciopero per polo chimico Bussi

 

La Filctem Cgil (Federazione italiana lavoratori chimici tessili energia manifatture) lancia l’allarme per la situazione del polo chimico di Bussi (Pescara) e di quello dell’alta moda nell’area Vestina ed annuncia un novembre di mobilitazione,

senza escludere lo sciopero generale ed in particolare con un’iniziativa «eclatante, unitaria, pubblica e visiva» in contemporanea ad una iniziativa istituzionale della Regione, per «stanare una Giunta regionale che non c’è e che non riconosce i problemi». «I tempi della Giunta per affrontare i problemi – ha affermato in conferenza stampa il segretario provinciale della Filctem, Domenico Ronca – non sono quelli richiesti in una situazione di crisi come quella attuale. Durante il Forum dell’economia che si è svolto ad inizio ottobre abbiamo sottoscritto insieme alle associazioni di categoria un documento in cui chiedevamo, tra l’altro, la convocazione di un tavolo permanente, che non ha costi. Il vicepresidente della Regione, Alfredo Castiglione, si era detto favorevole, ma a distanza di 20 giorni tutto tace». La Filctem, ricordando gli ultimi dati sulla disoccupazione giovanile e femminile, critica anche «l’analisi che il presidente Chiodi fa della situazione abruzzese: non è vero – ha detto Ronca – che il nostro trend di crescita è, a livello nazionale, secondo solo al veneto. Negli ultimi anni, infatti, solo nel settore tessile sono andati persi almeno mille posti di lavoro». Sottolineando la necessità di «una maggiore attenzione nei confronti della provincia di Pescara» da parte del presidente Chiodi, che «è più interessato al teramano e lo dimostrano i fondi per il Polo di innovazione dell’agroalimentare», Ronca ha affermato che è fondamentale avere « una strategia di sviluppo industriale sostenibile».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi